Richard Donner è morto: il regista dei Goonies aveva 91 anni

·2 minuto per la lettura
richard donner morto
richard donner morto

Richard Donner è morto a 91 anni. Il regista, famoso per aver diretto pellicole come Superman e i Goonies, ha avuto una carriera brillante. Le cause del decesso non sono state ancora rese pubbliche.

Richard Donner è morto

Lutto nel mondo del cinema mondiale: è morto Richard Donner. Il regista era nato il 24 aprile del 1930 nel Bronx, ma le cause del decesso non sono state rese pubbliche. Considerando gli oltre 90 anni, è probabile che la sua scomparsa sia da ricollegare all’età. Al momento non è stata diffusa nessuna nota stampa che chiarisca la sua improvvisa dipartita, ma Variety ha fatto sapere che la Donner Productions, società di produzione del regista statunitense, ha confermato la notizia della sua morte.

Richard Donner è morto: una lunga carriera

Richard Donner ha avuto una lunga carriera. E’ stato lui a dirigere il primo film di Superman, nel lontano 1978, ma anche i famosi Goonies portano la sua firma, così come Arma Letale.

Dopo gli studi in economia e teatro alla New York University, Donner ha iniziato a muovere i primi passi come attore, dedicandosi presto alla regia televisiva per alcuni spot pubblicitari. Negli anni Cinquanta ha iniziato a lavorare per diversi telefilm, tra cui il wester Ricercato vivo o morto con Steve McQueen.

Richard Donner, morto: un successo mondiale

Il successo di Richard Donner è stato mondiale. Tra le sue serie tv più famose si ricordano: Get Smart, Selvaggio west, L’isola di Gilligan, L’uomo da sei milioni di dollari, Kojak e lo show per bambini dei Banana Splits. Tra i film più famosi invece, ci sono: The Omen con Gregory Peck e Lee Remick, Superman con Marlon Brando, Gene Hackman e Christopher Reeve, I Goonies, Solo 2 ore con Bruce Willis e X-Men.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli