Riempiamoci gli occhi della coolness di Timothée Chalamet e Tilda Swinton a Cannes 2021

·3 minuto per la lettura
Photo credit: Mike Marsland - Getty Images
Photo credit: Mike Marsland - Getty Images

Stavamo ancora aspettando il dardo, la freccia di Cupido che di solito arriva dal Festival di Cannes per farci vibrare. Ci si siamo andati molto vicino con Charlotte Gainsburg e mamma Jane Birkin, ma per quanto fossero splendenti nel loro amore reciproco, e nei loro look serenamente anti conformisti, non sono state una visione inedita. A planare sulla Croisette con una potenza assoluta, come un imprevisto di quelli che ti fanno confondere e sorridere, sono stati Timothée Chalamet e Tilda Swinton, che hanno sfilato ora abbracciati, ora mano nella mano, affettuosi, fieri e cool oltre misura. Parentesi look: Timothée Chalamet in completo metallizzato firmato Tom Ford, camicia bianca con colletto alla coreana, stivali con punta color avorio, e Tilda Swinton in blazer Haider Ackermann cropped fucsia da cui spuntavano maniche tempestate di paillettes dorate, e gonna lunga arancione, i due non hanno certo puntato al minimalismo. Come una sacrosanta metafora del post lockdown, la coppia ha celebrato la libertà ritrovata con tanto di tutto, dai colori, ai dettagli fino ai sentimenti, esposti e non nascosti. Sono stati barocchi, sono stati manifesto di quanto sia bello tornare ai festival, al cinema, agli eventi, e da questo intento, per come lo abbiamo letto noi, è arrivata la vibrazione.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Parte del cast "all stars" del nuovo film di Wes Anderson The French Dispatch (che qui si attende con malcelata trepidazione) che comprende Bill Murray, Frances McDormand, Benicio del Toro, Adrien Brody, Léa Seydoux, Elisabeth Moss, Jeffrey Wright, Saoirse Ronan e Owen Wilson, i "Chalaminton", coppia artistica che merita uno shipping, si sono presi la scena, e non solo sul red carpet. Al termine della prima della pellicola, che ha ricevuto una standing ovation di nove minuti, Swinton ha abbracciato Chalamet, e nel farlo gli ha appiccicato di nascosto sulla schiena il cartello del seggiolino "Tilda Swinton". Come ai tempi della scuola, come si fa quando ci si diverte, e con tutto l'affetto per gli altri cast ospiti a Cannes, nessuno sembra spassarsela più di loro.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Ma Wes Anderson, che dai primissimi lavori del 1996 si porta dietro i suoi attori musa, come Bill Murray, Owen Wilson e la stessa Tilda Swinton, alla sua quinta pellicola (e che, attenzione, a settembre girerà di nuovo un film con lui, ancora misterioso e senza titolo, ambientato in Spagna) deve evidentemente essere uno con cui lavorare è un piacere, e ne è la proba questa assoluta fedeltà dalla quale è circondato. E, per fare un breve accenno a The French Dispatch, la sinossi ufficiale del film lo definisce "una lettera d'amore ai giornalisti, ambientata in un avamposto di un giornale americano in una città francese fittizia del XX secolo, che dà vita a una raccolta di storie pubblicate in 'The French Dispatch'". Le prime recensioni sono state ampiamente positive, con The Hollywood Reporter che ha scritto: "Mentre The French Dispatch potrebbe sembrare un'antologia di vignette senza un forte tema generale, ogni momento è impreziosito dall'amore di Anderson per la parola scritta e per i personaggi stravaganti, che vi dedicano la loro vita professionale. C'è un malinconico senso del tempo che passa e un'adorabile ode ai piaceri del viaggio, insieme a un apprezzamento per la storia dei corrispondenti stranieri americani che portano il loro sguardo percettivo, da outsider, ad altre culture. La missione della rivista è così riassunta verso la fine del film: "Forse con un po' di fortuna troveremo ciò che ci sfuggiva nei luoghi che un tempo chiamavamo casa". Nel frattempo, la nostra fortuna è stata poter godere dello splendore della coppia che non ci saremmo aspettati, ed essere stupiti è innegabilmente uno dei piaceri della vita.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli