Rientro a scuola, in che modo organizzare le giornate di madre e bimbo?

·3 minuto per la lettura
rientro a scuola routine mamma bimbo
rientro a scuola routine mamma bimbo

Da qualche giorno i bambini sono tornati tra i banchi di scuola, dopo mesi di attese e di lezioni online. Mai come quest’anno, infatti, la riapertura degli istituti era così attesa, pregna di emozione e felicità. Dopo aver acquistato tutto il materiale necessario, comprese le mascherine che saranno le vere protagoniste, le porte si sono aperte e i bambini hanno rivisto insegnanti e compagni di classe. Back to school: come organizzare la giornata tipo di mamma e figlio? Scopriamolo insieme.

Back to school: giornata mamma e figlio

Dopo tutti questi mesi particolari, dovuti alla pandemia da Covid-19, gli studenti sono rientrati in aula e devono ora abituarsi a tutte le nuove regole. Infatti, gli istituti, grazie alle linee guida sopraggiunte dal Governo e alla nomina dei referenti Covid, hanno stabilito delle nuove norme al fine di prevenire il contagio. Regole a parte, è stato comunque emozionante varcare di nuovo l’ingresso di scuola, soprattutto per chi ha vissuto il suo primo giorno di scuola. Con la ripresa delle lezioni, è fondamentale stabilire una routine da seguire, in modo da dare delle sane abitudini ai propri figli. Come potrebbe, per esempio, essere la giornata tipo di mamma e figlio durante il back to school?

Stabilire un orario per svegliarsi

Stabilire un orario per svegliarsi al mattino è molto importante, perché il bambino impara a seguire quest’abitudine. Potrebbe essere utile abituare il piccolo a svegliarsi presto qualche settimana prima dell’inizio della scuola, in modo da rendere questo cambiamento il meno traumatico possibile. La mamma, per esempio, potrebbe svegliarsi in anticipo, in modo da preparare con calma la colazione e gustarsela in totale relax.

Preparare lo zaino la sera prima può, infine, regalare qualche minuto di sonno in più al piccolo.

Preparare una sana colazione

Per cominciare la giornata nel migliore dei modi, una buona colazione è sicuramente la soluzione migliore. Questo pasto, infatti, deve rappresentare il 20% delle calorie totali assunte durante la giornata. Si deve trattare di una colazione semplice ma completa, a base di zuccheri che apportano energia, fibre e proteine. Cereali, pane o fette biscottate vanno abbinati a un alimento proteico, come il latte o lo yogurt. Si può finire, poi, con un bel frutto di stagione, una spremuta o della marmellata genuina.

Bambino a scuola e mamma in ufficio

Dopo una sana e completa colazione, una bella doccia e la giornata può cominciare. Il bambino si reca a scuola, utilizzando il trasporto pubblico, oppure accompagnato dal genitore. La mamma, invece, va in ufficio oppure torna a casa per lavorare in smartworking, a seconda, ovviamente, delle disposizioni dell’azienda.

Il pomeriggio tra lavoro, giochi e compiti

Il pomeriggio è dedicato, per la mamma, al lavoro da svolgere, in ufficio o a casa, dipende dai casi, mentre il bambino, dopo aver pranzato a scuola, svolge le ultime ore di lezione oppure si reca al doposcuola. Dopo aver terminato la giornata lavorativa, la mamma si reca a scuola a prendere il bambino. Prima di tornare a casa, una bella sosta al parco per giocare con gli amichetti all’aria aperta, rincorrersi e scorrazzare in allegria. Trascorso il tempo della pausa, bisogna rientrare a casa e dedicarsi ai compiti. Risulta utile non aspettare l’ultimo giorno per svolgere i compiti, ma anticiparli. Una buona organizzazione, infatti, aiuta il piccolo al fine di portare a termine i compiti. È giusto che la mamma supervisioni lo svolgimento dei compiti, ma è opportuno che il piccolo sviluppi una certa autonomia.

Cena e a letto presto

Una volta finito di studiare, si può concedere una piccola pausa davanti alla televisione, naturalmente non esagerando. In seguito, doccia calda e si cena tutti insieme e si chiacchiera di quello che è successo durante il giorno. Tante coccole, poi, sul divano, pigiama e a letto presto.