Rimedi di bellezza: no ai brufoli, sì alla fake tan

·1 minuto per la lettura

Se non riusciamo a resistere alla tentazione di spremere i nostri brufoli e l’acne sempre non scomparire mai, è ora di sentire la dottoressa Sandra Lee, non a caso conosciuta nel mondo del web come «Dr. Pimple Popper».

La linea di Sandra, SLMD Skincare, è arrivata nel UK ed è stata immediatamente ricevuta con successo. Ecco le sue dritte.

Non usiamo gli stessi prodotti delle nostre amiche

«È possibile che ci dicano: “Devi provarlo assolutamente, mi ha fatto sparire i brufoli” o “Mi ha reso più giovane di 20 anni!”, ma un prodotto raccomandato da un’amica non è necessariamente buono anche per noi», dice la pro. «Ascoltiamo piuttosto la nostra pelle: è grassa? È secca? È mista? Che base abbiamo, più rossa o più marrone? Siamo giovani? Siamo resistenti? Siamo sensibili? Tutte queste cose entrano in gioco. Io consiglio di provare un po' del loro prodotto, ma non compriamolo per noi».

Applicare e riapplicare la protezione solare

Immancabile in qualsiasi momento dell’anno, un buon fattore solare è il miglior amico della nostra pelle e alleato contro i brufoli.

«So che tante di noi usano la crema, ma un comune errore è non riapplicarla regolarmente», aggiunge Sandra. «La gente crede che “un po' di abbronzatura” vada bene, ma non è così. Quella è la nostra pelle che cambia per proteggerci dal sole. E allora, se siamo abbronzate, siamo già finite. Se andiamo in vacanza possiamo usare una fake tan che ci colori la pelle, ma se torniamo a casa di un altro colore, significa che siamo state danneggiate dal sole e le probabilità di invecchiamento prematuro e cancro della pelle sono aumentate. Proteggiamoci!».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli