Roberto Bolle mostra il suo tatuaggio, un drago sul suo muscolosissimo braccio

·1 minuto per la lettura
Photo credit: Elisabetta A. Villa - Getty Images
Photo credit: Elisabetta A. Villa - Getty Images

Roberto Bolle è il protagonista (crudele, spietato, perverso) dell'opera Madina, alla sua prima mondiale al Teatro alla Scala di Milano, in calendario dal primo al 14 ottobre. Un ruolo impegnativo e coinvolgente che il danzatore piemontese, 46 anni, ha accettato con entusiasmo e disciplina, come d'abitudine. Prima di salire sul palcoscenico del teatro lombardo a lui ben noto, Roberto Bolle ha deliziato i suoi fan con un selfie post prove generali scattato dal camerino. In primissimo piano i suoi occhioni azzurro cielo, l'inedita barbetta castana, i muscoli che definire scolpiti è riduttivo e, sul bicipite, un tatuaggio total black a forma di drago.

Roberto Bolle, ma il tuo tatuaggio è vero o finto?

Chissà se il tattoo sfoggiato dal ballerino classico è parte del suo look di scena. Ancora è troppo presto per dire con certezza se sia un fake oppure no, anche se in diverse interviste del passato Roberto Bolle ha ribadito di non prevedere l'opzione tatuaggi. Comunque sia, sappiate che nella tradizione europea i draghi erano considerate creature malvagie, contrastate con forza e coraggio dagli eroi della tradizione epica. La simbologia del drago cambia parecchio spostandosi verso l'Asia: nei paesi orientali, infatti, il drago incarna da secoli i valori di saggezza, tenacia e longevità, assumendo il ruolo di divinità capace di proteggere e portare lunga vita. Aspettiamo nuovi scatti del ballerino con braccia nude per capire se il drago è ancora lì oppure no. Comunque sia, che bello che sei Roberto Bolle!

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli