Roberto Gualtieri a Mezz'ora in più: "Da Salvini e Borghi una campagna terroristica"

HuffPost

“Quella sul Mes è una discussione che ci sarebbe stata comunque, a prescindere da questo dibattito sopra le righe, ma è avvenuta in un contesto in cui la Lega, Salvini e Borghi con cinismo hanno iniziato a fare una campagna terroristica per spaventare le persone. Certo, se non ci si riesce a esprimersi con competenza e serietà sulla Nutella è evidente che la credibilità su ciò che si dice sul Mes sia piuttosto scarsa”. Lo dice il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri a “Mezz’ora in più”. 

 

“Il rinvio è un fatto, ci sono anche dei miglioramenti che vanno valutati, c’è un orizzonte più largo sul pacchetto. Auspico che ci sia una risoluzione positiva che guardi in avanti e che raccolga il sostegno delle forze responsabili, anche non della maggioranza. Certo, chi vuole l’incidente, chi spaventa le persone in modo molto cinico dicendo che ci tolgono i soldi dai conto correnti, dubito possa convergere”, ha aggiunto. 

Nel frattempo, il presidente della commissione politiche Ue della Camera, Sergio Battelli, deputato M5s ha fatto sapere che sul Mes “sicuramente domani e martedì troveremo una convergenza con i gruppi di maggioranza. Non esiste nessuna ipotesi di due risoluzioni separate”.

Tornado al ministro dell’Economia, sulla manovra ha detto che “c’è stato un dibattito vivace per usare un eufemismo, c’è spesso una attenzione eccessiva al giorno per giorno e troppa poca capacità di tenere i nervi saldi e di guardare le cose un pò più in prospettiva. Alla fine abbiamo saldato il conto del Papeete, siamo riusciti a fare un miracolo” con una manovra che “rilancia la crescita e l’equità dell’Italia”, ha aggiunto il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri. Nel dibattito sulla legge di bilancio “i problemi, le criticità esistono ma li stiamo superando bene. A volte c’è una tendenza eccessiva di drammatizzazione, ma resta la mia fiducia. Io sono sempre stato tranquillo”.

 

Il ministro ha poi annunciato...

Continua a leggere su HuffPost