Rocío Muñoz Morales si racconta in esclusiva a Elle tra amore, famiglia e segreti di bellezza

Di Marzia Nicolini
·6 minuto per la lettura
Photo credit: John Phillips - Getty Images
Photo credit: John Phillips - Getty Images

From ELLE

32 anni, segno zodiacale Gemelli, un fisico slanciato da gazzella e due occhioni scuri profondissimi e magnetici. Ecco a voi Rocío Muñoz Morales, ex ballerina, oggi modella, attrice, ma soprattutto due volte mamma e compagna innamoratissima dell'altrettanto sensazione Raoul Bova, 49 anni. Adottata felicemente dall'Italia, Rocío è madrina del nuovo progetto No More Tears di Cotril, beauty brand del quale è ambassador. In cosa consiste l'iniziativa? Prendendo come spunto la data simbolica dell'8 marzo, Cotril ha annunciato la collaborazione avviata con l’Associazione D.i.Re, impegnandosi nell’inserimento lavorativo delle (troppe) donne in uscita da situazioni di violenza. Acquistando nei saloni Cotril il primo mascara del brand, Brave Lashes, ciascuna di noi può dare il contributo alla causa sostenuta da Rocío Muñoz Morales: dei 14 euro spesi, infatti, un euro sarà destinato direttamente all'Associazione. Abbiamo colto l'occasione per fare una chiacchierata a tutto tondo con la musa del progetto.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Il tuo stato d'animo attuale.
In questo momento mi sento risolta e, di conseguenza, consapevole.

Cosa non può mancare nella tua beauty routine e come ti tieni in forma?

Resto in forma facendo la mamma a due bambine di 5 e 2 anni. Il che significa che il divano di casa non lo sfioro neppure! Poi cerco di fare pilates una o due volte a settimana, non solo per il corpo, ma anche per la mente. Nella mia beauty routine non manca mai una doccia calda la sera, oltre al gesto di struccarmi completamente e idratare al massimo pelle e capelli.

Venendo alla collaborazione con Cotril per il progetto No More Tears, ci racconti in cosa consiste l'iniziativa?

Il brand hair beauty di cui sono testimonia, ha deciso di collaborare con l’Associazione D.i.Re, un network italiano di 82 organizzazioni che gestiscono Case rifugio e Centri antiviolenza, accogliendo oltre 20.000 donne ogni anno. In particolare, questo progetto si incarica in maniera concreta dell'inserimento lavorativo delle donne uscite da situazioni violente. Sappiamo che nel 2020, anche a causa del lockdown, le violenze sulle donne, in particolare quelle domestiche, sono aumentate. Parte del ricavato delle vendite del primo mascara Cotril verrà devoluto a favore di questo progetto.

Quali sono i valori con cui stai educando le tue bimbe e che modello di madre vorresti essere per loro?

Le cresco con i valori dell'amore, dei sentimenti, della sincerità, del rispetto altrui, della libertà di essere sempre se stesse. Avendo due figlie femmine, provo a trasmettere loro tutti valori in cui io, come donna, credo. Provo a essere una madre vicina e presente, ma senza essere troppo invadente, cerco di essere una loro compagna di viaggio. Ritengo che certamente potrò aiutarle, ma alla fine dei conti sono loro che dovranno scoprire il mondo nel modo giusto. E solo loro decideranno con quali occhi vedere la realtà.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Quali sono gli aspetti della tua personalità meno noti al pubblico?

Questa è una domanda molto bella, grazie di cuore per avermela posta. Sono una persona forte all'apparenza. Ma la verità è che mi sento anche fragile, piena di timori e insicurezze, talvolta tendo alla malinconia. Con gli anni ho imparato ad amarmi per quella che sono, ad essere consapevole di me, a dirmi quando mi guardo allo specchio che anche se non sono perfetta, accetto i miei limiti. Forse, ora che ci penso, è proprio questo a rendermi inconsapevolmente più forte.

Come ti piace utilizzare Instagram?

Lo uso con piacere, ma non in maniera maniacale, nel senso che prima di essere su Instagram ci tengo a vivere la mia vita, i social arrivano sempre dopo per me. Mi piace perché mi offre la possibilità di avvicinarmi alle persone, a volte anche di essere utile agli altri. Cerco di condividere tutti i lati di me stessa, restando quella che sono, senza finzione.

Come hai vissuto e stai vivendo l'esperienza Covid?

Sto vivendo questo momento con tristezza, la pandemia mi ha fatto molto riflettere sull'essere umano e sui valori realmente importanti, su quanto la vita vada vissuta fino in fondo. Ho imparato a dire più volte ti amo, ti voglio bene, ad aprire bene gli occhi e a non sprecare i momenti preziosi che mi si presentano. Questo periodo mi fa sentire una forte mancanza della mia famiglia di origine, che ho visto pochissimo. Il fatto di non poter essere vicina a mia mamma e alle mie sorelle mi fa soffrire.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Cosa rende il tuo partner unico?

Lo ritengo unico perché è il mio complice assoluto: dopo parecchi anni insieme, mi conosce sotto ogni punto di vista. Penso che se volessi fare un viaggio lunghissimo vorrei farlo con lui, se volessi andare a una festa pazza e ballare fino all'alba vorrei farlo con lui, se volessi dedicare un'intera giornata alla spiritualità, ad aiutare gli altri, a fare beneficenza, come a volte faccio, lo farei sempre con lui. Mi piace molto lavorare insieme al mio compagno e allo stesso tempo sentirmi libera e indipendente di seguire i miei progetti, sentendo tutto il suo sostegno e rispetto.

Hai di recente accorciato la chioma. Come ti trovi con il caschetto?

Devo dire che mi sento benissimo con questo taglio super personale e sbarazzino, ho l'impressione che mi rappresenti molto. Ho tagliato i capelli per esigenze di lavoro, quando ho iniziato a girare il thriller horror movie They talk me, prodotto da Vison per Amazon, con regia di Giorgio Bruno. Ma ne sono stata piacevolmente sorpresa: Domenica Ricciardi e il team Cotril non sbagliano un colpo!

Come ti vedi fra qualche anno?

Non così diversa: non ho paura di invecchiare. Quel che temo è che passino gli anni senza averli vissuti appieno. Per questa ragione cerco di vivere ogni giorno intensamente. Per il resto, vorrei essere sorpresa della Rocio che diventerò. Spero di aver imparato cose che oggi non so e di avere sempre accanto le persone che tanto amo.

Il tuo rapporto con le donne: credi nell'empowerment femminile?

Sono una donna che ama le donne e che ha la fortuna di essere molto amata dalle donne italiane, con mio grande orgoglio. Anche sui social, ho notato che la maggior parte dei miei follower è rappresentata da donne. Quel che penso è che siamo parecchio diverse dagli uomini, e con ciò non intendo né migliori, né peggiori: abbiamo caratteristiche oggettivamente diverse, ragioniamo in modo diverso e ci comportiamo in maniera altrettanto diversa. Le donne vanno supportate e dobbiamo essere noi le prime a farlo. Siamo forze della natura piene di energia, creatività e amore: una bandiera da mantenere alta, la nostra.