Rocío Muñoz Morales sul razzismo: «Alcuni stranieri valgono meno di altri?»

·1 minuto per la lettura

Rocío Muñoz Morales ha sfruttato la chance al timone de "Le Iene" per parlare di razzismo.

Nell'ultima puntata, l'attrice e compagna di Raoul Bova ha affiancato alla conduzione dello show di Italia 1 Nicola Savino, e si è rivolta agli spettatori con una bruciante domanda: «Alcuni stranieri valgono meno di altri?».

Inizia così il monologo dell'attrice spagnola, arrivata in Italia nel 2012 dalla vicina Spagna e ancora bersaglio di alcuni stereotipi.

«Quando sono arrivata potevo leggere il vostro pensiero: Rocio, spagnola, ballerina. Quindi caliente. Eh no signori, io sono cerebrale e perfezionista. Caliente per niente. Che poi dicono caliente ma vogliono dire mign**ta», afferma Rocío Muñoz Morales ai microfoni de "Le Iene".

«Questi pregiudizi non so come si cancellano. Io cerco di insegnare alle mie figlie, Luna e Alma, che nessuno vale più di qualcun altro - sottolinea l'attrice -. Devono sentirsi orgogliose di essere italiane, come oggi mi sento anche io, perché siamo tutti uguali».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli