Ruby Rose: accuse shock ai produttori di «Batwoman»

·2 minuto per la lettura

Ruby Rose vuota il sacco dopo l’addio a sorpresa a «Batwoman».

La star, con una serie di post su Instagram, ha accusato i produttori della serie tv di averla costretta a lavorare in condizioni di estrema precarietà.

L’attrice australiana avrebbe ricevuto delle pressioni da parte dell’ex capo della Warner Bros. Peter Roth per tornare sul set, ad appena dieci giorni dal delicato intervento alla spina dorsale, a cui si è sottoposta nel maggio 2020 dopo un incidente sul set.

«A tutti quelli che dicono che ero troppo rigida, immaginate di tornare al lavoro dieci giorni dopo questo, 10 GIORNI! Altrimenti l'intera troupe e il cast sarebbero stati licenziati e lo studio avrebbe perso milioni, perché non ci sarebbe stato un recasting», ha scritto la Rose.

Ruby si è poi scagliata contro Dougray Scott, che interpretava Jacob Kane in «Batwoman» nelle prime due stagioni, rivelando che l’attore «ha ferito una stuntgirl, urlava come un pazzo con le donne ed è stato un incubo. Se ne andava quando voleva, arrivava quando voleva. Ha abusato delle donne e come protagonista della serie mi sono lamentata, ma se ne sono fregati».

Inoltre, la 35enne ha criticato la showrunner Caroline Dries, che pare si sia rifiutata di posticipare le riprese all’inizio della pandemia, esponendo così cast e crew al pericolo coronavirus.

Ruby rivela infine di avere visto dei dipendenti lavorare in condizioni degradanti. Come nel caso di un membro del team con un’ustione di terzo grado e di un’assistente personale, rimasta paralizzata dopo un incidente.

«Non tornerei in Batwoman per nessuna ragione, per nessuna somma di denaro, neanche se mi puntassero una pistola alla tempia. E NON HO MOLLATO IO: loro hanno distrutto Batwoman e Kate Kane, non io».

Per la seconda stagione di «Batwoman» è stata scritturata Javicia Leslie per il ruolo di Ryan Wilder.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli