Sì, Borat ha offerto un lavoro a Trump per quando sarà disoccupato (e noi lo amiamo per questo)

Di Elisabetta Moro
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Jason Merritt - Getty Images
Photo credit: Jason Merritt - Getty Images

From ELLE

"Riuscite a immaginare se perdessi?", ironizzava qualche giorno fa Donald Trump in Georgia tra le risate dei suoi sostenitori,"Mi toccherebbe dire 'ho perso contro il peggior candidato della storia'. Cosa farei per il resto della mia vita?". Beh, detto fatto, ecco la risposta: Trump ha appena ricevuto un'allettante proposta di lavoro o meglio un ruolo come attore per interpretare se stesso. A fare l'offerta è stato Borat (e chi se no?) a seguito dell'uscita su Amazon Prime del suo nuovo film che - guarda caso - ha fatto arrabbiare non poco il Presidente. "Donald", ha scritto Sacha Baron Cohen su Twitter, "cerco sempre persone che interpretino buffoni razzisti e tu avrai bisogno di un lavoro dopo le elezioni. Parliamone!". La satira non è mai stata così vicina alla realtà.

Baron Cohen ci teneva espressamente che il suo nuovo film, l'attesissimo Borat – seguito di film cinema, uscisse prima delle elezioni di novembre e infatti da quando è stato reso disponibile su Amazon Prime Video il 23 ottobre sta già facendo parlare (e ridere non poco). L'ormai iconico giornalista baffuto del Kazakistan è tornato sui nostri schermi per toccare ancora una volta nel vivo l'attualità degli Stati Uniti mettendone a nudo il lato più becero, razzista, misogino e farsesco. Il mockumentary questa volta si destreggia abilmente tra pandemia di Covid-19, teorie complottiste alla QAnon,negazionisti e suprematisti bianchi, insomma, un bel guazzabuglio di attualità 2020 come abbiamo ormai imparato a conoscerla. "Nel 2005, avevi bisogno di un personaggio come Borat che fosse misogino, razzista e antisemita per convincere le persone a rivelare i loro pregiudizi interiori", ha spiegato Baron Cohen al New York Times, "Ora quei pregiudizi interiori sono palesi. I razzisti sono orgogliosi di essere razzisti". "Quando il presidente stesso è un palese razzista, un palese fascista", ha aggiunto,"permette anche al resto della società di cambiare il proprio dialogo".

Photo credit: Axelle/Bauer-Griffin - Getty Images
Photo credit: Axelle/Bauer-Griffin - Getty Images

Il film fa riferimento anche al #MeToo e alle molestie sessuali e proverbiale, in questo senso, è la clip in cui vediamo Rudy Giuliani, ex sindaco di New York e avvocato personale del presidente, abbassarsi i pantaloni mentre si trova in un camera d’albergo con l’attrice 24enne Maria Bakalova che stava interpretando una giovane giornalista. Giuliani si è giustificato dicendo che si stava solo sistemando la camicia, ma ormai il danno era sotto gli occhi di tutti e il risultato a dir poco esilarante (in tutta la sua amarezza, as usual negli sketch di Borat). Dopo aver mostrato tutta la drammatica - eppure esilarante - assurdità dell'era Trump, prima dei titoli di coda appare la proverbiale scritta “Vota ora, o verrai ucciso” e in effetti un monito c'è e, come spiega lo sceneggiatore, è rivolto soprattutto alle donne. “Se sei una donna e non voti contro Trump", dichiara Baron Cohen al New York Times, allora devi essere consapevole di come la tua scelta influirà su tutte le donne americane”.



Donald Trump non ha particolarmente gradito l'uscita del film in piena campagna elettorale e ovviamente non si è trattenuto dal far sapere tutto il suo disprezzo al comico britannico. “È un impostore e non lo trovo divertente. Per me, è uno schifoso” ha dichiarato ai giornalisti. "Grazie per la pubblicità gratuita per Borat, Donald!", gli ha risposto pungente l'attore e produttore su Twitter prima di proporgli il suo "nuovo lavoro". “Lo ammetto, neanche io ti trovo divertente" - ha aggiunto - "Eppure il mondo intero ride di te". Colpito e affondato. Del resto, in quanto a uscite provocatorie e a effetto qui siamo di fronte a un professionista nonché pietra miliare della comicità contemporanea e di quell'umorismo intelligente che diventa critica sociale. Non ci resta che consolarci guardando il nuovo Borat, aspettando pazientemente (e ormai con una certa ansia) il tre novembre. Wa wa wee wa, very nice!