Salma Hayek sulle molestie ricevute da Harvey Weinstein: «Sono caduta in depressione»

·1 minuto per la lettura

Salma Hayek è caduta in una forte depressione dopo aver scoperto di non essere stata l’unica attrice ad aver subito delle molestie da Harvey Weinstein.

La star rimase attonita quando venne a conoscenza delle prime denunce che hanno contribuito a far cadere il potente produttore, al culmine del movimento #MeToo nel 2017.

Per anni infatti aveva mantenuto il totale riserbo sugli abusi subiti da Weinstein mentre girava il film del 2002 «Frida».

La Hayek ha condiviso la sua storia in un editoriale per il New York Times nel dicembre 2017, due mesi dopo le prime denunce mosse da un gruppo di attrici, inclusa la sua co-protagonista in «Frida», Ashley Judd.

«Ecco perché ci ho messo così tanto», ha spiegato a Variety.

«È stata così dura perché ho scelto di non essere una vittima, anche se ero una vittima. Dovevo convincermi che sono una combattente e, soprattutto, una sopravvissuta. Quando sono venuta a conoscenza delle prime denunce, non sapevo che fosse successo a così tante donne. Sono entrata in una profonda depressione per mesi. Ci è voluto davvero un esercito di donne per farmi capire che ero una vera sopravvissuta e una vera combattente».