Sardegna, sindaco di Oniferi: “Vietato ammalarsi di Covid”

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(Getty Creative)
(Getty Creative)

Dopo aver appreso che l’ennesimo bando per assumere un medico aveva dato esito negativo, Stefania Piras, il sindaco di Oniferi, in provincia di Nuoro, ha firmato un’ordinanza che suona come una provocazione: "È fatto assoluto divieto ai cittadini di ammalarsi, di avere necessità di cure e farmaci e di contrarre il virus covid-19".

GUARDA ANCHE: Covid, questo è l’ordine preciso in cui compaiono i sintomi rispetto ad altri virus

Il primo cittadino ha inviato tutto all’Ats, alla Regione e all’assessorato alla Sanità, al prefetto di Nuoro e ai carabinieri. "Un medico oggi ha rinunciato all'incarico di assistenza primaria lasciandoci senza medico condotto, situazione nella quale ci troviamo da due anni – ha spiegato il sindaco all'Ansa -. Le ho provate tutte, ho parlato con i consiglieri regionali, con l'assessore alla Sanità ma non si capisce come mai la Regione non faccia l'elenco delle sedi carenti dal 2016. Ora non abbiamo neanche il sostituto e non possiamo rivolgerci a nessun medico dei paesi vicini, che non hanno dato disponibilità a sostituire il nostro, perché 'oberati di lavoro'”.

L’assenza di un medico condotto non è un problema che interessa solo il paesino di Oniferi, ma anche altri comuni. “Dopo l'ordinanza provocatoria ho intenzione di unirmi ai colleghi per forme di proteste eclatanti che pongano fine a un situazione vergognosa che nega il diritto alla salute dei nostri cittadini", ha concluso il sindaco Piras.

GUARDA ANCHE: Vaccini, Arcuri: "Coinvolgeremo medici di base"