Scivolone del Pd Lazio su tweet anti Salvini, scatta la polemica

Grossolano scivolone social del Pd Lazio. Il profilo del partito ha pubblicato su Twitter un post in cui viene ritratto un bambino, dietro a una rete metallica, probabilmente all'interno di un campo profughi con la scritta: "Anche lui vuole ballare al Papeete".

Il post incriminato, subito rimosso dal profilo del Pd Lazio

Sotto il messaggio riportato a caratteri cubitali - che richiama la sortita estiva di Matteo Salvini nel famoso stabilimento balneare di Milano Marittima - è stata riproposta una frase del ministro Luciana Lamorgese: "Bisogna cambiare i decreti sicurezza, interverremo anche sulle multe alle navi Ong che salvano vite". Come si legge sul Messaggero, che ha riportato la notizia, il post è stato fatto sparire quasi subito dal profilo Twitter del Pd Lazio, ma non così rapidamente da non lasciare tracce.

LEGGI ANCHE: Salvini dj al Papeete, cori e balli sulle note dell’Inno di Mameli

Persino gli utenti favorevoli all'abolizione dei decreti sicurezza non hanno apprezzato l'accostamento tra la frase e il volto di un minore. In molti hanno sollevato la questione che un piccolo in fuga da guerra, povertà e violenza non approda in Italia con la speranza di trascorrere una serata al Papeete.

Criptico anche il messaggio politico: il Pd Lazio nel tweet afferma che è necessario cambiare i decreti sicurezza, dimenticandosi che al governo da agosto c'è anche il centro sinistra.

GUARDA ANCHE: Salvini citofona: “Scusi lei spaccia?”

La replica del Pd Lazio

Dopo qualche ora è arrivata la replica su Facebook del Pd Lazio che ha deciso di commentare l'accaduto sottolineando il fatto di “Non essere stati capiti”, ma decidendo di chiedere scusa perché "la colpa non è mai di chi legge, ma sempre di chi scrive". Il misfatto sarebbe da imputare a un giovane collaboratore dei social del Pd che “nelle intenzioni voleva rivendicare il diritto dei bambini africani a vivere la propria vita in ogni sua sfaccettatura, anche la più leggera e scanzonata”, ma nella sostanza ha dato origine alla “Storia di un post sbagliato”.