Scoperta la cura per il tumore al colon?

sanitari
sanitari

Un farmaco per combattere il tumore al colon. Uno studio accende una speranza nella battaglia contro il male. La cura ha avuto infatti effetti sorprendenti riuscendo a far regredire il cancro nel corpo di dodici pazienti. L’immunoterapia di cui si parlerà in questo articolo eviterebbe a soggetti affetti dal cancro al colon-retto di evitare la chemio e la necessità di interventi. Il farmaco immunoterapico di cui si parla è il dostarlimab ed è stato sperimentato presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York.

Tumore al colon: lo studio pubblicato su rivista

Lo studio è stato pubblicato sul New England Journal of Clinical Oncology ed è stato recentemente presentato al meeting annuale dell’American Society of Clinical Oncology. La ricerca ha visto la partecipazione di 16 pazienti affetti da adenocarcinoma del retto localmente avanzato. La patologia era caratterizzata da un’anomalia riguardante i meccanismi di riparazione del DNA. I ricercatori hanno spiegato che questa forma di cancro riguarda il 5-10% dei tumori che aggrediscono il retto e che “risponde poco ai regimi di chemioterapia standard”.

Le dichiarazioni dei ricercatori

Il team di ricerca ha spiegato tramite alcune dichiarazioni riportate da Ansa: “Il trattamento per il tumore rettale localmente avanzato consiste nella somministrazione della chemioterapia e radioterapia neoadiuvante seguita dalla resezione del retto”. Uno scenario che offre una buona percentuale di successo, ma che allo stesso tempo può presentare complicanze gravi, come disfunzioni intestinali, urinarie, ma anche una qualità di vita del paziente compromessa. La somministrazione del dostarlimab ha consentito di trattare il tumore fino alla sua completa remissione senza il bisogno di effettuare sui pazienti la chemioterapia o interventi chirurgici.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli