Se stavate valutando l'epilazione con il laser, questi sono tutti i motivi per procedere (asap)

Di Marzia Nicolini
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Katarzyna Grabowska su unsplash
Photo credit: Katarzyna Grabowska su unsplash

From ELLE

È vero, sono anni di laissez-faire e di inclusività, e chi volesse mostrarsi in pubblico con gambe e ascelle pelose e libero di farlo e non c'è alcun tipo di problema (vero Rihanna e Paris Jackson?!). Tuttavia, per quante di voi desiderino ancora sfoggiare una pelle perfettamente liscia e senza peli, la questione resta la stessa: come eliminarli? Ma anche: come evitare la ricrescita in tempo zero? Come ridurre i peli incarniti? Come evitare il rischio di follicolite e sfoghi rossastri? A rispondere in maniera netta a questi (e molti) altri quesiti a tema peli superflui è un recente articolo apparso sul magazine britannico Metro, il cui titolo dice più o meno tutto: "Sbarazzati della ceretta e butta il rasoio. Del perché l'epilazione laser è la soluzione per tutte". Vero o falso? Abbiamo chiesto l'opinione del medico estetico e chirurgo Carlo Borriello, che da anni propone alle sue clienti a Milano e Lucca l'epilazione laser. Ecco quello che ci ha spiegato.

Il metodo dell'epilazione laser spiegato nel dettaglio

Vogliamo parlare di quanto sia noiosa e senza fine la routine femminile per eliminare i peli superflui? Una strada da incubo senza via di uscita, a meno che non si consideri l'epilazione laser. Come sottolinea l'esperto, "con il termine d'uso comune laser ci si riferisce a una speciale luce che, opportunamente modulata nelle sue diverse lunghezze d'onda, va a colpire un bersaglio, secondo il fenomeno chiamato fototermolisi selettiva. Nel caso dell'epilazione, il bersaglio è costituito dalla melanina contenuta nel bulbo pilifero. Nel corso degli anni, questa luce si è evoluta in maniera esponenziale, diventando sempre più selettiva, potente e precisa".

Photo credit: Katarzyna Grabowska su unsplash
Photo credit: Katarzyna Grabowska su unsplash

C'è laser e laser: diffidate dei pacchetti low cost

Attenzione agli specchietti per allodole. Come ricorda il dottor Borriello, "ancora troppo spesso i centri di epilazione propongono pacchetti laser di 10-12, addirittura 14 sedute, con prezzi irrisori e, in parallelo, un numero esagerato di appuntamenti". Perché diffidare? "È molto semplice", commenta l'esperto. "Una buona apparecchiatura laser, aggiornata dal punto di vista tecnologico, garantisce un risultato ottimale, ossia la riduzione fino all'80% dei peli superflui, lasciando solo uno strato leggerissimo di peluria bionda, in un massimo di 6 sedute, effettuate a distanza di circa 6 settimane l'una dall'altra. Chi propone tante sedute a costi stracciati ha in possesso un macchinario laser obsoleto, con il rischio di un risultato a metà".

Le condizioni ideali per la riuscita dell'epilazione laser

"Gli apparecchi laser di ultima generazione garantiscono una buona riuscita di attacco al bersaglio, che - come abbiamo visto - è rappresentato dal bulbo pilifero, in ogni stagione dell'anno, estate inclusa. Ciò detto, resta vero che i mesi ideali per dedicarsi all'epilazione laser sono quelli di autunno e inverno, quando la pelle è più chiara, a contrasto con il pelo scuro e non schiarito dai raggi del sole. Inoltre, diffidate da chi vi assicura di poter eliminare peli il cui bulbo è biondo: l'epilazione laser, allo stato attuale della scienza, riesce solo se il bulbo pilifero è nero o, tutt'al più, castano chiaro. Considerate che in una singola seduta, un ottimo laser moderno riesce ad abbattere circa il 30% dei peli superflui. In 6 appuntamenti, dunque, potreste portare a casa l'ambito obiettivo di una pelle hair free, fatto salvo per una leggerissima peluria bionda, come quella dei bebé". Ne vale la pena, no?