Se una persona risulta positiva cosa deve fare nella propria abitazione

·2 minuto per la lettura
Coronavirus
Coronavirus

Il Coronavirus continua a diffondersi e i casi di positività al tampone sono sempre di più. La maggior parte delle persone positive, fortunatamente, risultano asintomatiche e devono trascorrere un periodo di isolamento in casa, fino ad ottenere un tampone negativo. Come si devono comportare se vivono insieme ad altre persone?

Positivo al Covid in casa

Una persona che effettua il tampone e scopre di essere positiva al Covid, ma non ha sintomi, deve trascorrere un periodo di isolamento in casa della durata di almeno 14 giorni, fino a quando il tampone non torna ad essere negativo. Se il positivo convive con altre persone, però, la situazione diventa più complicata perché potrebbe metterle a rischio e contagiarle. Ci sono alcune regole di convivenza con un positivo, che possono aiutare a gestire al meglio la situazione delicata. Prima di tutto è importantissimo aprire le finestre ogni ora, in modo da consentire il cambio di aria, soprattutto se si sta negli stessi ambienti della casa.

Sarebbe opportuno scegliere una stanza e trascorrere la giornata chiusi lì dentro, in modo da incrociare il meno possibile gli altri membri della famiglia. Il bagno, che quasi sicuramente è in comune, dovrà essere disinfettato dopo ogni utilizzo da parte di tutte le persone presenti in casa. Il positivo deve utilizzare delle posate, dei piatti e dei bicchieri a parte, che devono essere igienizzati ogni volta che vengono utilizzati. Quando si sta in compagnia e si condividono gli stessi ambienti, va indossata la mascherina, ma è sempre meglio evitare di pranzare e cenare insieme. Le mascherine devono essere cambiate spesso, così come bisogna ricordare di lavare e igienizzare costantemente le mani. Se i coinquilini iniziano a presentare dei sintomi, allora bisogna avvisare il proprio medico e dovranno effettuare la quarantena anche loro. Il periodo di quarantena è di 14 giorni dalla comunicazione al medico, ma può essere di 10 giorni se viene effettuato un tampone che risulta negativo.