Secondo gli esperti non ci sarà il baby boom annunciato nel primo lockdown

·2 minuto per la lettura
Covid riduce libido coppia
Covid riduce libido coppia

Nessun baby boom come si era previsto durante il lockdown, Anzi, al contrario, secondo gli esperti il Covid riduce la libido e di conseguenza, forse, anche le nascite. I più colpiti però sarebbero i giovani.

Secondo gli esperti il Covid riduce la libido nella coppia, ecco i motivi

Con il Covid, molte coppie stanno sperimentando un calo del desiderio. Ad affermarlo durante un’intervista a Canale 3 è stata Roberta Rossi, Presidente della Federazione Nazionale di Sessuologia, intervenuta al Festival della Salute 2020 di Siena.

I motivi sarebbero molteplici e facilmente intuibili. Mancanza di intimità e spazio con i figli a casa per la chiusura di molte attività scolastiche ed extrascolastiche, preoccupazione per i futuro, paura di ammalarsi, mancanza di vita sociale che scade nella monotonia e così via.

Insomma, quello che di solito per comodità di definizione chiamiamo “stress” sarebbe alla base di una riduzione di desiderio tra le coppie.

A confermarlo anche una recente ricerca effettuata da Durex insieme ad Anlaids (associazione italiana che si batte contro la diffusione dell’Aids) secondo la quale l’83% degli intervistati, infatti, ha riferito un generale calo del desiderio e della pratica sessuale durante il periodo di lockdown.

Ovviamente non mancano le eccezioni: per quella che sembra comunque essere una minoranza, la possibilità di condividere più tempo insieme ha portato a un generale miglioramento dell’intesa di coppia.

Probabilmente non ci sarà alcun baby boom

In generale però, sembra che il baby boom ipotizzato da alcuni esperti durante il primo lockdown non ci sarà. Tra le cause, non solo il calo del desiderio ma anche tutte le preoccupazioni economiche e di natura sanitaria, di affrontare una gravidanza e la nascita di un bambino in un periodo difficile come quello che stiamo vivendo.

Un incremento delle nascite invece, potrebbe esserci a fine pandemia, per l’entusiasmo di essersi messi alle spalle mesi di vita sospesa.

I più colpiti sono i giovani e single

Sul tema sessuologia non sono solo le coppie stabili quelle che pagano le conseguenze del Covid-19. Secondo Roberta Rossi, i più colpiti sarebbero i giovani e i single:

“Il bacio, la vicinanza, il contatto fisico sono per eccellenza a rischio contagio, quindi chi non ha una relazione fissa non più rischiare di ammalarsi per iniziare una storia d’amore. Pensiamo ai ragazzi alla loro prima esperienza di innamoramento. Non potendo incontrare i loro coetanei hanno perso un momento importante della loro vita”.