Sei ranger sono stati uccisi nel parco nazionale della Repubblica Democratica del Congo

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(AP Photo/Felipe Dana-File)
(AP Photo/Felipe Dana-File)

Lo scorso 10 gennaio un gruppo di uomini armati ha ucciso sei ranger del parco nazionale di Virunga, nella Repubblica Democratica del Congo. Lo riferisce Reuters.

La riserva naturale è un sito Unesco e si trova nella regione di Nyamitwitwi, poco distante dal confine con Uganda e Ruanda. Si tratta del parco nazionale più esteso d’Africa: occupa infatti un’area grande 7.800 chilometri quadrati (più di due volte la Valle d’Aosta).

VIDEO - Repubblica Democratica del Congo, il massacro impunito di 22 anni fa

Non è la prima volta che le sue guardie forestali vengono assalite: fino ad oggi ne sono state uccise 200. Gli attacchi sono stati attribuiti in passato a gruppi di milizie che vogliono mantenere il controllo sulle risorse del Congo orientale, tra cui il carbone, di cui questa area è ricca. A causa delle numerose aggressioni ai ranger avvenute in passato, nel 2018 il parco è stato chiuso ai turisti per otto mesi.

VIDEO - Africa e vaccini: nuove scelte e vecchie alleanze