Serena Rossi sarà la madrina della Mostra del cinema di Venezia 2021 (e sarà pazzesca)

Di Redazione Digital
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Stefania D'Alessandro - Getty Images
Photo credit: Stefania D'Alessandro - Getty Images

Dopo Alessandra Mastronardi e Anna Foglietta, quest'anno sarà Serena Rossi a detenere lo scettro di madrina del 78° Festival di Venezia. Lo fa sapere la Biennale che sul sito ufficiale annuncia la partecipazione dell'attrice partenopea "nella serata di mercoledì 1 settembre 2021, sul palco della Sala Grande (Palazzo del Cinema al Lido) in occasione della cerimonia di inaugurazione". In qualità di madrina, inoltre, la Rossi "guiderà la cerimonia di chiusura sabato 11 settembre, in occasione della quale saranno annunciati i Leoni e gli altri premi ufficiali della 78. Mostra".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

"Un grande onore — ha detto la Rossi, che quattro anni fa prese parte alla Mostra del cinema di Venezia con Ammore e Malavita dei fratelli Manetti con tanto di esibizione canora nella festa post proiezione —. So quanto sia stato difficile sorridere in questo ultimo anno e mezzo. Ma in questo momento così delicato, tenere vivo e forte il desiderio di tornare a fare quello che sappiamo fare, e di tornare a sorridere, è tutto. Sicuramente la chiusura dei cinema, dei teatri, l’impossibilità di godere di qualunque spettacolo dal vivo non ci ha aiutato a sorridere. E forse mai come in questa occasione ne abbiamo sentito la mancanza e abbiamo capito la necessità vitale delle Arti che, ora più che mai, dobbiamo difendere, proteggere ed esaltare. A Venezia ‘78 vorrei ritrovare quei sorrisi dimenticati, vorrei che illuminassero le sale cinematografiche e tutti i luoghi del Festival. Vorrei che si riaccendessero sui volti di chi non ha potuto lavorare, ma che adesso può tornare a sperare, progettare, suonare, recitare, costruire scenografie, scrivere. Ringrazio per la fiducia la Biennale di Venezia, il direttore Alberto Barbera e il Presidente Roberto Cicutto. Sarà un Festival importante e io ce la metterò tutta. Per tutti".

La scelta di Serena Rossi come madrina del Festival di Venezia 2021 arriva a coronamento di un anno ricco di soddisfazioni professionali. L'interprete italiana, dopo il precoce debutto in teatro con C'era una volta... Scugnizzi e la popolarità della fortunata fiction Un posto al sole, si è ritagliata un ruolo sempre più importante sul grande schermo con Song 'e Napule e le commedie Al posto tuo, Troppo napoletano e Caccia al tesoro fino all'exploit del musical dei Manetti per il quale ha vinto un David di Donatello, un Nastro d’Argento e un Ciak d’Oro. La svolta nella sua carriera arriva però nel 2019 con Io sono Mia, dove l'attrice si cala nel ruolo della grande Mia Martini. Un'interpretazione che le consente di unire alle sue doti recitative quelle canore, convincendo pubblico e critica, e traghettandola fino alla fiction di successo Mina Settembre e alla conduzione dello show Canzone segreta.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

L'attrice è nota anche agli spettatori più giovani in veste di doppiatrice. Ha infatti prestato la sua voce per i dialoghi e le canzoni dei cartoon Disney Frozen, dove interpreta il ruolo della principessa Anna, e per la versione italiana nel sequel di Mary Poppins. Un'artista a tutto tondo dall'indiscutibile talento, che le permetterà di essere la migliore padrona di casa di questo Festival della ripartenza.