Serialmente: tutte le serie in arrivo, i reboot, gli addii e i ritorni

·5 minuto per la lettura
Photo credit: Sky
Photo credit: Sky

Welcome back! Dobbiamo aspettare qualche mese per scoprire cosa è successo a Hopper in Stranger Things , la 4 arriva su Netflix nel 2022 ma la guerra per il controllo dell'impero mediatico della famiglia Roy si scatena su Sky Atlantic (e in streaming su Now) a novembre, nella terza stagione di Succession. Purtroppo solo tra un anno vedremo il recasting di Buckingham Palace in The Crown 5: Elizabeth Debicki sarà Diana e Imelda Staunton Elisabetta (Netflix). Emily in Paris 2 torna il 22 dicembre (Netflix). La (bella) sorpresa The Great 2 (doveva essere una miniserie) arriva invece il 19 novembre su Starzplay con Elle Fanning e Nicholas Hoult di nuovo nei panni di Caterina di Russia e dello zar Pietro III, in un dramedy velenoso e solo “occasionalmente” fedele alla storia. Attesissima la seconda stagione di The Witcher: Henry Cavill nei panni di Geralt di Rivia, dalla saga fantasy di Andrzej Sapkowski, torna il 17 dicembre su Netflix. Accanto a lui la bellissima Anya Chalotra/Yennifer. E poi c'è Dexter. New Blood. La serie sembrava finita, dopo otto stagioni, nel 2013, e invece ora arrivano dieci nuovi episodi sul serial killer interpretato da Michael C. Hall (a novembre su Sky e Now).

E alla fine vissero tutti...

In Gomorra, felici e contenti sarà difficile ma nel finale c'è un clamoroso ritorno (a novembre su Sky Atlantic e Now). Chiude anche Dickinson, la Emily di Hailee Steinfeld, piena di contaminazioni pop ma fedele nello spirito, tanto da aver avvicinato molti teen ai versi della poetessa americana (il terzo e ultimo capitolo, dal 5 novembre su Apple tv+). Infine, c'è l'epilogo di Ozark. Si conclude, con la quarta stagione, la storia di Marty Byrde, tranquillo revisore contabile che si trova a riciclare denaro sporco per un cartello messicano. Storia “maschile”? Niente affatto. Sono le dark lady la vera forza di questa serie, su tutte Ruth, interpretata da Julia Garner e se non l'avete ancora vista avete tempo per recuperare (uscirà su Netflix, in due parti, nel 2022).

Cronaca vera

Dopesick - Dichiarazione di Dipendenza fa luce sulla peggior crisi farmaceutica americana, indagando sulla dipendenza da oppioidi negli Usa e sull’avidità delle multinazionali (dal 12 novembre su Disney +). È interpretata e prodotta da Michael Keaton (con Rosario Dawson, Peter Sarsgaard e Michael Stuhlbarg). Maid è una storia di violenza domestica tratta dall’autobiografia di Stephanie Land (pubblicata da astoria): il dramma di una giovane madre che scappa con la figlia e fa la donna delle pulizie per poterla mantenere. Con Andie MacDowell e Margaret Qualley, madre e figlia nella serie Netflix (dal 1 ottobre) e nella vita.

Photo credit: Sky
Photo credit: Sky

Period drama

Se Elizabeth Taylor può essere Cleopatra (che non era certo bianca) perché Jodie Turner-Smith non può interpretare Anna Bolena? «È bella, caparbia e tremendamente intelligente. L’attrice giusta per il ruolo, punto», fanno sapere i creatori di Anne Boleyn per placare le polemiche sul colore della pelle della seconda moglie di Enrico VIII. La miniserie (non ha ancora una data d'uscita italiana) racconta gli ultimi mesi di vita della regina e la sua lotta per assicurare un futuro alla figlia (Elisabetta I). Dal XVI al XIX secolo, sempre in Inghilterra: Belgravia nasce dalla penna di Julian Fellowes (Downton Abbey)e arriva su Sky Serie (e Now) il 6 ottobre. Inizia alla vigilia della battaglia di Waterloo ed è ambientata nell’elegante quartiere londinese del titolo: balli, salotti, domestici, borghesia, aristocrazia. E scandali.

Photo credit: Amazon Prime Video
Photo credit: Amazon Prime Video

Fantasy e fantasisti

Amazon Prime Video produce La ruota del tempo, adattamento dei libri fantasy di Robert Jordan The Wheel of Time, con Rosamund Pike nei panni di Moiraine Damodred (dal 19 novembre). Per chi ama le serie postapocalittiche, ha appena debuttato su Disney + Y, l’ultimo uomo, basata sui fumetti DC Comics: un cataclisma ha sterminato tutti i mammiferi con cromosoma Y eccetto un giovane cisgender e la sua scimmia... Arriva su Prime Video, il 29 ottobre, Maradona- Sogno benedetto, con Nazareno Casero “nelle scarpe” del campione: dalle origini umili alla Coppa del mondo.

Photo credit: Disney+
Photo credit: Disney+

Coming of age

Reservation Dogs segna l’inizio di una nuova era nella rappresentazione dei nativi americani. Nasce da un’idea di Taika Waititi, che è un maori, e Sterlin Harjo, indiano Creek. È la storia di quattro adolescenti in una cittadina dell’Oklaoma. Tutto il cast, a ogni livello della produzione, è indigeno. Serie osannata dalla critica, dal regista di Jojo Rabbit (su Star, Disney +, dal 13 ottobre).

Photo credit: Guida astrologica per cuori infranti
Photo credit: Guida astrologica per cuori infranti

Tu sei romantica?

In Guida astrologica per cuori infranti (a fine ottobre su Netflix) Alice è un’assistente di produzione che non ha mai creduto nei segni zoodiacali ma il giorno che rischia di perdere il lavoro e l’ex fidanzato le annuncia che avrà un figlio da un'altra donna, il suo nuovo amico Tio le fa quasi cambiare idea... Di Bindu de Stoppani e Michela Andreozzi, con Claudia Gusmano.

Reboot

C'è trepidazione per Noi, la versione italiana di This is us, una delle serie più amate di sempre, con Lino Guanciale nel ruolo di Milo Ventimiglia e Aurora Ruffino in quello di Mandy Moore. Producono Cattleya e Rai Fiction (su Rai 1 nel 2022). Gabriele Muccino firma la prima serie tv, tratta dal suo film campione d'incassi A casa tutti bene. Nel family drama in otto puntate, Francesco Scianna e Laura Morante (su Sky Serie e Now entro fine anno). Infine, il reboot di un classico della cultura pop: Gossip Girl. Stessa scuola privata nell'Upper East Side, nuova generazione di studenti, più fluida e multiculturale (dal 27 ottobre su Sky e Now).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli