Shadow root è la nuova tendenza colore capelli low maintenance da provare (e amare) ora

Di Carlotta Tosoni
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Sean Zanni - Getty Images
Photo credit: Sean Zanni - Getty Images

From ELLE

Fino a qualche tempo fa la ricrescita era il nostro terrore, considerata estremamente antiestetica: beh, ora le cose sono decisamente cambiate. Complice la pandemia che ci ha tenuto a lungo distanti dal parrucchiere e le tendenze moda che virano sempre di più verso uno stile rilassato, le radici naturali che si fondono gradualmente con le schiariture sono diventate il colore capelli più cool della Primavera 2021. La tecnica si chiama shadow root e, come suggerisce il nome, si tratta di un’ombreggiatura più scura all'attaccatura dei capelli, che poi si schiariscono man mano sulle lunghezze per un effetto assolutamente naturale, come se fossimo appena state al sole.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Il shadow root è perfetto per chi vuole essere cool senza dover fare troppa manutenzione, chic ma rilassato: in questo modo, la schiaritura dura 3 o 4 mesi, molto di più di una decolorazione classica, ed anzi, più il colore vissuto e meglio è! La tecnica poi si può declinare sui capelli di tutte lunghezze ed è ideale per chi vuol cambiare colore ma non è ancora del tutto deciso e vuole qualcosa di più graduale.

Il segreto per un risultato perfetto è partire a schiarire 4 o 5 dita più in là rispetto alle radici, sulle quali si può applicare una tinta permanente o demi-permanente di una tonalità più chiara del colore naturale per creare riflessi che si fonderanno con le schiariture. In questo modo, alla ricrescita dei capelli, lo stacco sarà assolutamente graduale. Le ciocche più chiare vanno però create ad arte: non devono essere troppo nette o spesse, e soprattutto devono essere omogenee. Non possono ovviamente mancare due ciuffi più chiari nella parte vicino al viso per incorniciarlo e il gioco è fatto.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Shadow roots si presta particolarmente sui capelli biondi poiché maggiore lo stacco e più sarà dinamico interessante l'effetto, ma anche per ravvivare un castano con qualche ciocca leggermente più chiara può essere la scelta giusta. Anche sui capelli grigi ha un'ottima resa: quando iniziano a essere presenti in maniera consistente, sfruttare il naturale mix di chiaro e scuro per fondere il colore con il biondo è perfetto per svecchiare un look in maniera dolce e glamour.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Shadow root vs Reverse balayage: tu da che parte stai?

Il shadow root non va confuso con il reverse balayage, a sua volta un ottimo metodo per avere capelli dinamici senza dover far visita al parrucchiere troppo spesso. In questo caso si andranno a fare non delle schiariture bensì delle scuriture: è la tecnica ideale quando ci si vuole convertire da un colore più chiaro a uno più scuro, oppure per rendere più omogenea la chioma dopo una vacanza al mare "schiarente" o ancora per trasformare un colore piatto. Si tingono alcune ciocche del colore naturale dei capelli così che pian piano ricrescendo, il tutto andrà a uniformarsi.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

In entrambi i casi, si tratta di metodi molto facili da adattare al gusto personale e al colore di partenza. L'effetto finale sarà sempre nuovo e originale, senza annoiare mai. E tu da che parte stai: vuoi schiarire con il shadow root oppure scurire con il balayage al contrario? In ogni caso avrai capelli wow!