Sileri, 'AstraZeneca? Usarlo con maggiore prudenza su giovani donne'

·1 minuto per la lettura

"Nel dubbio deve esserci la massima precauzione possibile". Così Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute al Gr1 sui dubbi sollevati da alcuni esperti sulla somministrazione di AstraZeneca ai ragazzi. "Sappiamo - ricorda Sileri - che il vaccino AstraZeneca è indicato sopra i 60 anni. Ciò non significa che non possa essere usato al di sotto dei 60 anni, ma è evidente che più si abbassa l’età, minore è sicuramente il rischio di sviluppare la malattia grave", sottolinea il sottosegretario nell'ottica dei costi-benefici del vaccino. "Soprattutto magari nelle donne, dove sono state osservate alcune di queste complicanze - suggerisce - va usato probabilmente con maggior giudizio e va anche data una risposta a partire da Aifa e poi da tutti gli enti che, anche a livello europeo centrale, fanno la farmacovigilanza".

"Aifa - ricorda Sileri - ha già dato le sue indicazioni. È chiaro che la raccolta dei casi, non solo quelli italiani ma tutto ciò che avviene in Europa, aiuterà a dare risposte. Nel mentre - conclude Sileri - se ci sono dei problemi nei soggetti più giovani e donne, è chiaro che lì l’indicazione, a fronte di rischio beneficio, può venir meno. Verosimilmente sotto i 30 anni".