Silvio Garattini: "Le industrie ora rendano pubblici i dati sui vaccini"

Luciana Matarese
·Giornalista
·1 minuto per la lettura
(Photo: Mondadori Portfolio via Getty Images)
(Photo: Mondadori Portfolio via Getty Images)

Professor Silvio Garattini, l’ex direttore dell’Ema, Guido Rasi, ha spiegato che nonostante gli annunci le aziende farmaceutiche non hanno ancora consegnato i dati alle autorità regolatorie. Che significa?

Significa che siamo indietro. Da alcune notizie circolate sembrava che le industrie intendevano presentare la documentazione gradualmente, in modo da valutare i dati via via e guadagnare tempo, obiettivo legittimo data l’importanza della questione. Di solito l’approvazione di un farmaco richiede circa 270 giorni. Non so se in questo caso i tempi saranno ridotti, ma serve comunque qualche settimana di lavoro. Bisogna stare attenti agli annunci. Il rischio è alto.

Qual è il rischio?

Ingenerare speranze eccessive può tradursi, nell’immediato, in un abbassamento della guardia sul rispetto delle regole di sicurezza, le uniche che possono difenderci ora e, a lungo termine, in una mancanza di fiducia nella scienza.

Scienza che nel frattempo si divide. Tra gli studiosi c’è chi sostiene che quello sui dati sia un falso problema, ci sono e saranno valutati.

Vedo, innanzitutto, un problema di comunicazione. Dire “non farò o farò il vaccino quando ci sarà l’approvazione” sono due espressioni che significano la stessa cosa, ma hanno impatto diverso sulle persone e prima di parlare bisogna pensare all’effetto delle proprie dichiarazioni.

Silvio Garattini, scienziato e farmacologo, presidente e fondatore dell’Istituto di ricerche “Mario Negri”, è una delle voci più autorevoli in tema di vaccini.

Saranno sicuri?

Come per tutti i farmaci bisognerà valutare attentamente il rapporto tra rischi e benefici. Anche su questo ci vuole chiarezza. L’unico modo per vedere come stanno le cose è pubblicare i dati. Alle aziende, però, va ricordata una cosa.

Cosa?

I comunicati stampa n...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.