Will Smith, esce l’autobiografia: «Volevo uccidere mio padre»

·1 minuto per la lettura

Uscirà il 9 novembre l'autobiografia di Will Smith, intitolata Will.

A pubblicare un estratto in anteprima del contenuto delle memorie ci ha pensato il magazine People, che rivela un oscuro dettaglio relativo al rapporto con il padre.

All'epoca l'uomo stava lottando contro il cancro e Will pensò di spingere la sedia a rotelle giù per le scale a causa delle violenze inflitte alla madre nel corso degli anni.

«Quando avevo nove anni vidi mio padre colpire alla testa mia madre così forte da farla collassare. La vidi sputare sangue», scrive Will ricordando la difficile infanzia vissuta a Filadelfia, segnata dalle violenze e dagli abusi del padre alcolizzato.

«Quel momento in quella camera da letto, più che qualsiasi altro, ha definito chi sono. Tutto quello che ho fatto - i premi e i riconoscimenti, i riflettori, i personaggi e le risate - sono state il filo sottile per scusarmi con mia madre, per non aver fatto nulla quel giorno. Da bambino mi promisi che un giorno avrei vendicato mia madre, quando fossi stato abbastanza grande e forte. Quando non fossi stato più codardo l'avrei ammazzato».

L’occasione si è presentata all’attore quando il padre malato era indifeso.

«Una notte lo stavo accompagnando dalla camera da letto al bagno. Mi fermai in cima alle scale, avrei potuto spingerlo giù e cavarmela facilmente. Sono uno dei migliori attori del mondo, la mia chiamata al 911 sarebbe stata da Oscar. Poi però scossi la testa e proseguii verso il bagno».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli