Spike Lee: niente scuse per la gaffe di Cannes

·1 minuto per la lettura

Spike Lee non è intenzionato a chiedere scusa per la clamorosa gaffe al Festival del Cinema di Cannes.

Il regista, presidente di giuria della manifestazione, è finito nell'occhio del ciclone per aver pronunciato il titolo del film vincitore della kermesse, «Titane» di Julia Ducournau, all’inizio della cerimonia.

La presentatrice in realtà aveva chiesto al cineasta di annunciare il vincitore della prima categoria in scaletta.

A mandare in confusione Lee è stata la domanda posta in francese; infatti, dopo il patatrac, Spike ha chiesto che gli venissero rivolte soltanto domande in inglese, e da lì tutto è filato liscio.

Pur consapevole di aver fatto un «pasticcio», Spike non chiederà venia per quanto accaduto.

«Sono un grande fan di sport. Mi sono sentito come un giocatore che sbaglia un gol o un rigore alla fine della gara. Quindi, niente scuse», ha dichiarato in conferenza stampa, come riporta Deadline. «La gente di “Titane” mi ha detto: “Non pensarci, Spike”. E questo per me vuol dire molto».

Julia Ducournau è la seconda donna a vincere il prestigioso premio nei 74 anni di storia del festival.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli