"Stai volando troppo basso". Il messaggio prima dello schianto all'elicottero di Kobe Bryant

HuffPost
Koby

“Stai volando troppo basso”. Il pilota dell’elicottero su cui viaggiava Kobe Bryant era stato avvertito. Alla base dello schianto dell’elicottero su cui viaggiava il campione di basket con altre otto persone c’è quasi sicuramente la nebbia. Le indagini dell’autorità americana per l’aviazione della Sicurezza dei trasporti aerei e dell’Fbi, scrive il Daily mail, sono ancora in corso ma le prime indicazioni sono chiare. Secondo quanto riportano anche Tmz e Slate, citando fonti della polizia e basandosi sui dati di Flightradar, la visibilità era estremamente ridotta a causa della nebbia. L’aeroporto internazionale di Los Angeles aveva ritardato diversi voli. E per lo stesso motivo, la polizia aveva lasciato a terra il supporto aereo. Un portavoce della polizia, citato dalla Cnn, ha affermato che “le condizioni meteo non rispettavano gli standard minimi per volare”.


I dati del tracker mostrano che l’elicottero di Kobe, un Sikorsky S-76B, aveva riscontrato per la prima volta problemi meteorologici nell’area sopra lo zoo di Los Angeles. Ha sorvolato la zona almeno 6 volte a un’altitudine molto bassa - circa 268 metri - forse in attesa che la nebbia si schiarisse.

Il pilota - scrive Tmz - ha contattato la torre di controllo dell’aeroporto di Burbank intorno alle 9.30 (ora locale, le 18.30 in Italia) e la torre era a conoscenza del fatto che il pilota stava girando in tondo da circa 15 minuti. Il pilota alla fine si è diretto a Nord lungo la Statale 118 prima di svoltare a Ovest e seguire l’autostrada 101 intorno a Woodland Hills, in California. Verso le 9.40 - con le nebbia che si faceva ancora più fitta - l’elicottero ha virato a Sud. Le scelta si è rivelata fatale perché si sono indirizzati verso un’area montuosa. Proprio a quel punto, secondo il Daily mail, il pilota sarebbe stato avvertito di volare troppo basso. Per questo sarebbe salito improvvisamente di quota da circa 365 metri fino ai 609 metri. Tuttavia, pochi istanti...

Continua a leggere su HuffPost