Stampa e palazzo: le regole di Grillo e le liti nel centrodestra

Francesco Fotia / Agf

AGI - Il confronto nel M5s, con Grillo a Roma impegnato in una serie di vertici con i parlamentari e il presidente Conte, e le tensioni nel centrodestra dopo la sconfitta alle elezioni comunali. Sono questi i temi in primo piano sulle pagine di politica dei quotidiani in edicola oggi.

Corriere della Sera

Centrodestra, tensioni sul vertice. Meloni: vogliamo stare uniti o no? La leader: Tosi non vuole FdI, Forza Italia dica se è la sua linea. Salvini: confronto al più presto. Intervista a Tajani: “Dobbiamo darci un progetto e Berlusconi sarà il mediatore. Basta litigare su chi è il capo, prima vinciamo le elezioni”. Lombardia: il duello tra separati in casa. Fontana: sono tutti con me. Ma Moratti non arretra. M5s, spinte per l'appoggio esterno. Grillo: certo che restiamo al governo. Vede gli eletti e poi Conte. Il no alle deroghe, ma c'è l'ipotesi di “salvare” Cancelleri in Sicilia. Parla Enrico Borghi: “L'alleanza con loro? Il Pd è un perno per tutti e non rincorre nessuno”.

la Repubblica

Riparte la sfida per la cittadinanza: la riforma in aula, la destra fa muro. Chiuso l'esame in Commissione alla Camera, oggi la norma sullo ius scholae approda a Montecitorio. E' corsa contro il tempo per l'approvazione entro la fine della legislatura. Lega e FdI: “La bloccheremo”. Mauri (Pd): “Andare fino in fondo è un imperativo morale, lo dobbiamo alla società”. Rampelli (FdI): “Per la sinistra i certificati per i ragazzi sono come le figurine Panini”. Sale la tensione nel centrodestra, Meloni sferza Salvini: “Ci sono i veri leader e ci sono i follower”. Intervista all'ex candidato sindaco di Torino, Damilano: “Spero in Giorgetti sia dentro che fuori dalla Lega”. M5s: Grillo mischia le carte su doppio mandato e appoggio esterno, “lo stiamo valutando”.

La Stampa

Centrodestra in tilt, ora è lite anche sul vertice. Meloni: “Forza Italia ci caccia dalla coalizione?”. Intervista a Licia Ronzulli (FI): “Basta con le ambizioni personali, ora con Giorgia ci vuole un chiarimento”.

Il Messaggero

Di Maio, esiste un piano: la spinta in autunno puntando sui sindaci. Il nuovo partito del ministro si organizza. Le due priorità: il Pnrr e l'agenda Draghi. I contatti con Sala, Pizzarotti e De Luca provando a coinvolgere Carfagna e Giorgetti. Intervista a Boccia (Pd): “Un patto di coalizione per unire i progressisti”. Le divisioni nel centrodestra, Lega e FI contro Meloni: “Una leader non fa così”. Parla Donzelli (FdI): “Strumentali le critiche degli alleati, la sconfitta non è stata colpa nostra”.

Il Tempo

M5s, Grillo non fa deroghe sui 2 mandati: “Tema identitario imprescindibile”. Calenda gela i dem: “No a primarie e campo largo”. Intervista a Barelli (FI): “Uniti siamo pronti a guidare il Paese. E' la sinistra a doversi preoccupare”.

Il Fatto Quotidiano

“Draghi chiede a Grillo di fare fuori Conte”. Il sociologo De Masi: “L'ha detto Beppe a me e ai deputati”.

Libero

M5s in uscita dal governo? Dai che ci liberiamo della piaga grillina. Il comico valuta l'appoggio esterno: “Noi non siamo come Di Maio. Pronti a lasciare”. Il futuro del Carroccio: Salvini e i governatori, summit per dirsi tutto e voltare pagina.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli