Stefano de Martino parla dell'addio (bis) a Belen Rodriguez e spiega che no, il divorzio non è un fallimento

Di Monica Monnis
·3 minuto per la lettura
Photo credit: TIZIANA FABI - Getty Images
Photo credit: TIZIANA FABI - Getty Images

From ELLE

C'è la Schadenfreude, il "piacere provocato dalla sfortuna altrui", quel fremito di piacere quando scopri che anche i ricchi piangono, che fondamentalmente anche a loro non può sempre andare tutto bene e che giustizia è stata fatta. Un sentimento speculare all'invidia ma meno maligno che a spot riemerge con le gossip news di matrimoni naufragati e tradimenti vip. Ecco niente schadenfreude per l'addio (bis) di Stefano De Martino e Belen Rodriguez, una delle poche coppie per cui in pratica tutti facevano il tifo anche quando erano lontani anni luce e in altre faccende affaccendati (lui con Gilda Ambrosio e lei con Andrea Iannone) con tanto di brindisi al loro ritorno di fiamma nel 2019. Poi post lockdown, l'annuncio della fine, di nuovo, e nuovi orizzonti (oggi la Rodriguez è in love con l'hairstylist Antonino Spinalbese e Stefano -forse- molto vicino alla super top Mariacarla Boscono), ma vietato parlare di fallimento okay?

"I rapporti si consumano, i sentimenti sono messi alla prova da questi tempi veloci", ha spiegato al settimanale Chi l'ex ballerino di Amici e oggi conduttore (in onda dal 12 gennaio su Rai Due con Stasera tutto è possibile) parlando per la prima volta della rottura, "non ha più senso dire il matrimonio è ‘fallito’, io dico che nella migliore delle ipotesi si è ‘compiuto’ ed è qualcosa di bello che c’è stato e i figli ne sono la prova". Belen e Stefano si sono conosciuti nel 2012 alla corte di Queen Mary: un colpo di fulmine (lui all'epoca era fidanzato con Emma Marrone) coronato dalle nozze e dalla nascita del figlio Santiago. Poi l’addio nel 2015 e la scelta di tornare insieme, a sorpresa, nel 2019. L’idillio però è durato appena un anno dopo il quale la coppia ha deciso di separarsi ancora e (forse) definitivamente. "Ogni storia d’amore ha un inizio e una fine e non è un fallimento, dobbiamo far pace con questa visione e non usare un termine così negativo". Più chiaro di così.

Un ritorno di fiamma che aveva fatto sognare e che sembrava destinato a durare per sempre, ma forse "spinto" da ragioni sbagliate, come l'idea di famiglia cuore e il bene del figlio Santiago. "È difficile che un matrimonio duri per tutta la vita e per questo, ho cambiato il mio punto di vista, e vorrei dirlo a chi si trova nella mia situazione e, per di più, con figli, quindi con un ulteriore senso di colpa", ha specificato Stefano. Oggi i due ex sono vicini di casa a Milano e stanno ricostruendo un nuovo equilibrio che si assesta giorno dopo giorno dribblando tra le altre cose, gossip davvero pungenti, come le voci di una storia tra Stefano e Alessia Marcuzzi commentate così da lui al Corriere della Sera: "In quel caso ho dovuto tutelare delle persone da attacchi spiacevoli, ci sono in ballo dei figli. Era giusto puntualizzare".

"Ho imparato a stare da solo e sarà la mia più grande prigione. Quando capisci che la persona con cui stai meglio sei tu è un problema perché si cercano gli altri proprio per non riflettere e riversare su di loro il compito di farlo. Invece quando impari ad ascoltarti è difficile far entrare qualcuno nella tua zona di conforto", ha concluso, e c'è chi giura ci sia letteralmente la fila di candidate pronte a invadere la sua comfort zone. Chi vivrà...