Stitichezza: combatterla con l'olio di semi di lino

·3 minuto per la lettura
Stitichezza: combatterla con l'olio di semi di lino
Stitichezza: combatterla con l'olio di semi di lino

Molte malattie derivano dai depositi fecali e dai parassiti del colon che producono moltissime tossine dannose per la nostra salute, quindi un colon pulito è necessario per la nostra salute.

I sintomi dati da un colon non proprio in forma sono: stitichezza stanchezza, e malumore gonfiori, cattiva digestione, cattive condizioni della pelle, cattive condizioni di capelli e unghie, disturbi dell’udito e della vista, eccesso o difetto di peso.

Inoltre le tossine possono portare: metabolismo disturbato, sistema immunitario debole, malattie del fegato, diabete, malattie renali, artrite, cancro.

Molti di questi disturbi si possono prevenire o combattere assicurandoco di mantenere il nostro intestino in salute e funzionale, vediamo come.

Olio di semi di lino per prevenire la stitichezza

La regolarità intestinale è di fondamentale importanza per il benessere dell’organismo, previene fermentazioni e gonfiori, ostacola la proliferazione di organismi patogeni e tossine e costituisce la prima protezione nei confronti di molte patologie.

Estratto a freddo dai semi della pianta Linum usitatissimum e particolarmente ricco di acidi grassi essenziali, l’olio di lino stimola il transito intestinale in maniera delicata, senza irritare la mucosa ed agisce come emolliente, lubrificante ed antinfiammatorio.

È un valido aiuto in caso di stitichezza totalmente privo di controindicazioni in quanto lubrifica le feci e ne facilita lo scorrimento attraverso l’intestino senza provocare irritazione.

Favorisce la protezione della mucosa, la lenisce e aiuta a prevenire e contrastare le infiammazioni grazie alla sua consistenza e all’acido alfa-linoleico.

Contrasta la stitichezza e disinfiamma: tutti i benefici dell’olio di semi di lino

Oltre alle sue qualità emollienti che aiutano la regolarità dell’intestino depurando l’organismo, i componenti dell’olio di semi di lino stimolano il sistema immunitario.

L’olio di semi di lino viene estratto a freddo dai semi della pianta Linum usitatissimum, costituito per il 40-60% da acido alfa-linolenico (ALA), per il 15% da acido oleico e in piccola parte da altre molecole biologicamente attive, come i lignani e i glicosidi.

Ha un profilo lipidico molto salutare, con bassi livelli (circa il 9%) di grassi saturi, una moderata quantità (18%) di monoinsaturi ed elevate concentrazioni (73%) di acidi grassi polinsaturi (PUFA).

Ricco di acidi grassi essenziali (Omega 3, 6 e 9) regola la produzione di colesterolo e può vantare attività antinfiammatoria, attività antiossidante e attività vasoprotettiva, proprietà riconosciute e largamente usate a scopo preventivo in diverse patologie.

Le proprietà emollienti e disinfiammanti dell’olio di lino si rivelano utili utile anche per contrastare infezioni come la cistite.

Contiene una piccola quantità di vitamina E, e una discreta di vitamina K (fondamentale per la coagulazione del sangue e per il nostro metabolismo osseo).

In sintesi, i benefici riscontrati e scientificamente provati, dell’olio di semi di lino sono:

  • Contrasta stitichezza e intestino pigro

  • Protegge la mucosa intestinale

  • Contrasta lo stress ossidativo sostenendo il sistema immunitario

  • Diminuisce l’infiammazione e protegge da patologie cardiovascolari

  • Ha effetto protettivo nei confronti del diabete

  • Ha effetto protettivo nei confronti di patologie oncologiche

Come assumere l’olio di semi di lino contro la stitichezza

L’olio di semi di lino è oggi disponibile in vari formati: capsule al 40-60% di ALA, cibi funzionali e olio in forma liquida.

Il dosaggio di assunzione varia a seconda del formato scelto, generalmente, due cucchiaini giornalieri di olio di semi di lino (facendo attenzione che sia spremuto a freddo e che quindi conservi inalterate le sue proprietà) sono in grado di soddisfare agevolmente il fabbisogno di ALA.

Considerando la natura lipidica del prodotto, al fine di aumentarne l’assorbimento intestinale, sarebbe opportuno assumere l’olio di semi di lino durante i pasti possibilmente crudo, magari come condimento per le verdure.