Strabismo nei bambini: cosa fare

·6 minuto per la lettura
strabismo
strabismo

Se gli occhi di tuo figlio sembrano incrociati o disallineati, il problema potrebbe essere lo strabismo (occhi disallineati) o l’ambliopia (occhio pigro). Parlane con il suo medico, che probabilmente ti indirizzerà a un oftalmologo. Fortunatamente, queste condizioni possono essere trattate con successo se individuate presto.

Nota che è normale che gli occhi di un neonato vaghino o si incrocino di tanto in tanto, fino a circa 4 mesi di età. Sta appena imparando a far funzionare gli occhi insieme. Se però gli occhi del tuo bambino sembrano incrociati per la maggior parte del tempo, o se la situazione non migliora, parlane con il medico.

Cos’è lo strabismo?

Lo strabismo è una mancanza di coordinazione tra gli occhi. Se gli occhi di tuo figlio sembrano puntare in direzioni diverse o non mettere a fuoco lo stesso oggetto, lo strabismo potrebbe essere il colpevole. Questo problema riguarda il modo in cui il cervello controlla gli occhi, non riguarda quindi i muscoli degli occhi. Ecco perché gli esperti di solito non raccomandano esercizi oculari per lo strabismo.

Se tuo figlio ha lo strabismo e non viene trattato, il suo cervello potrebbe iniziare a ignorare l’input da uno dei suoi occhi, causando alla fine il deterioramento della visione nell’occhio ignorato. Questa condizione è conosciuta come ambliopia o “occhio pigro”. Anche la percezione della profondità potrebbe essere danneggiata.

Come faccio a sapere se mio figlio ha lo strabismo?

Se il tuo bambino ha lo strabismo, i suoi occhi possono sembrare “incrociati” o uno può sembrare spostato verso l’interno, verso l’esterno o verso l’alto. Lo strabismo può essere costante (significa che gli occhi sono sempre incrociati o disallineati) o intermittente (significa che accade di tanto in tanto). In alcuni casi gli occhi di un bambino sembrano incrociati (specialmente quando guarda a destra o a sinistra) quando in realtà sono allineati. Questo è chiamato pseudostrabismo.

L’esempio più comune di pseudostrabismo è la pseudoesotropia, in cui gli occhi di un bambino sembrano incrociarsi verso l’interno quando in realtà è un’illusione ottica causata da grandi pieghe palpebrali o un ampio ponte nasale. Il medico di tuo figlio può eseguire un semplice esame per distinguere lo pseudostrabismo dal vero strabismo.

Qual è il trattamento?

Lo strabismo, che è il risultato dell’ipermetropia, può di solito essere corretto con gli occhiali, soprattutto se preso in tempo. Lo strabismo che persiste anche quando un bambino indossa gli occhiali può richiedere una correzione chirurgica. Mentre la mancanza di coordinazione tra gli occhi si concentra nel cervello, non è possibile operare sul cervello per cambiare l’allineamento degli occhi. Piuttosto, i medici operano sui muscoli degli occhi, che sono accessibili.

L’intervento compensa – piuttosto che correggere – il problema. “Se la tua auto fosse guidata da un computer e il computer continuasse a dire alla macchina di girare a destra, potresti almeno riallineare le ruote a sinistra per compensare”, spiega l’oftalmologo pediatrico James Ruben, membro della sezione di oftalmologia dell’AAP.

Cosa causa lo strabismo?

A volte lo strabismo è presente alla nascita. La condizione sembra essere presente nelle famiglie. Può anche comparire in bambini senza storia familiare – e quando questo è il caso, a volte indica un problema di visione più significativo. Disturbi come la paralisi cerebrale e la sindrome di Down rendono lo strabismo più probabile.

I bambini nati prematuramente o a basso peso alla nascita sono a più alto rischio. Anche i bambini che sono presbiti sembrano essere più a rischio.

strabismo bambini
strabismo bambini

Cos’è l’ambliopia?

L’ambliopia (chiamata anche occhio pigro) si sviluppa quando il cervello spegne o sopprime la visione in un occhio. Questo può accadere se gli occhi di tuo figlio sono disallineati o se non può vedere bene con un occhio a causa di miopia, ipermetropia, astigmatismo o qualcosa che blocca la visione chiara in quell’occhio, come una cataratta o una palpebra cadente. Circa il 3-6% dei bambini sotto i 6 anni sviluppa l’ambliopia.

Il trattamento ha più successo prima dei 5 o 6 anni, anche se ricerche recenti dimostrano che anche bambini più grandi possono recuperare la vista. Se ignorata, l’ambliopia può provocare una perdita permanente della vista.

Come faccio a sapere se mio figlio ha l’ambliopia?

Identificare il problema non è facile, perché i bambini possono andare avanti usando anche solo un occhio. L’occhio meno utilizzato può sembrare perfettamente normale, anche se tuo figlio non lo usa per vedere. Il medico dovrebbe fare dei test di routine per l’ambliopia (così come lo strabismo) controllando gli occhi indipendentemente e insieme. Tuttavia, come dice l’oftalmologo pediatrico Ruben, “le mamme sono spesso i migliori controllori in circolazione perché notano qualcosa che non va bene prima di qualsiasi medico”.

È anche una buona idea testare occasionalmente la visione negli occhi di tuo figlio a casa.

Come posso testare l’ambliopia a casa?

Ecco un modo semplice per farsi un’idea se gli occhi di tuo figlio stanno facendo il loro dovere:

Copri uno degli occhi del tuo bambino (aiuta avere un partner per questo). Tieni un oggetto (come un orsacchiotto per un bambino piccolo o una foto o una lettera per un bambino più grande) di fronte a lui. Vedi se segue l’oggetto con l’occhio scoperto mentre lo muovi da un lato all’altro e su e giù. Puoi anche chiedere a un bambino più grande di dirti qual è la lettera, o chiedergli qualcosa sull’immagine o sull’oggetto. Successivamente, copri l’altro occhio e vedi se segue l’oggetto altrettanto bene e lontano.

È un po’ difficile testare un bambino, che potrebbe perdere interesse o distrarsi prima che il tuo test informale sia finito. Se però un occhio sembra più debole, prova a testarlo di nuovo, magari iniziando con l’altro occhio. Se tuo figlio sembra essere costantemente in grado di vedere meglio con un occhio rispetto all’altro, fissa un appuntamento con il medico per un test di screening della vista o con un oftalmologo, che può diagnosticare e trattare il problema.

Qual è il trattamento dell’ambliopia?

Il primo passo è quello di affrontare qualsiasi problema di fondo – correggendo l’astigmatismo o la miopia con gli occhiali o rimuovendo una cataratta con la chirurgia, per esempio. Una volta che ci si è occupati di questo, l’obiettivo è quello di incoraggiare il cervello di tuo figlio a connettersi con l’occhio più debole, migliorando alla fine la sua capacità di vedere.

Se tuo figlio ha un’ambliopia dovuta alla necessità di occhiali, questi agiranno come una lente di una macchina fotografica e aiuteranno a mettere a fuoco gli oggetti sul retro dell’occhio. Indossarli fornisce al cervello un’immagine più chiara, il che può migliorare la connessione occhio-cervello. Tuttavia, se gli occhi di tuo figlio mettono a fuoco naturalmente la luce in modo corretto, gli occhiali non aiuteranno con l’ambliopia.

Invece, il medico raccomanderà probabilmente di coprire l’occhio più forte del bambino con un cerotto o di usare un collirio una volta al giorno per offuscare la visione in quell’occhio. Entrambi costringeranno il cervello a usare l’occhio più debole. Il processo potrebbe richiedere settimane, mesi o addirittura anni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli