Streptococco di gruppo B in gravidanza: cosa fare

Streptococco di gruppo B in gravidanza
Streptococco di gruppo B in gravidanza

Se in gravidanza siete risultate positive al test per lo Streptococco di Gruppo B, avete fatto un’ottima cosa semplicemente facendo il test. Questo può aprire la strada a soluzioni che aiutano a garantire a voi e al vostro bambino salute e sicurezza. In effetti, può essere sconvolgente scoprire che il test per lo Streptococco di Gruppo B è risultato positivo. Ma la presenza di GBS nel vostro corpo non vi causerà alcun danno. Anzi, molte donne positive al GBS non sanno nemmeno di averlo.

Sono semplicemente portatrici del batterio e non hanno un’infezione o dei sintomi. Inoltre, esistono metodi naturali per prevenire o ridurre la presenza di GBS nell’organismo attraverso l’assunzione di probiotici e altri alimenti dietetici.

Che cos’è lo Streptococco di Gruppo B in gravidanza?

Lo Streptococco di Gruppo B è un batterio che si trova tipicamente nell’intestino, nell’area genitale e nel retto di circa il 25% delle madri in gravidanza. La maggior parte delle donne incinte colonizzate dal batterio non presenta sintomi, ma il GBS può diffondersi al bambino prima o durante il parto, portando a situazioni potenzialmente pericolose per la vita.

Per le gestanti, il test GBS viene solitamente eseguito da un medico o da un’ostetrica tra la 35a e la 37a settimana di gravidanza.

Quali sono i bambini più a rischio?

I neonati hanno maggiori probabilità di contrarre l’infezione da Streptococco di Gruppo B se la madre ha:

  • Febbre

  • Ttravaglio pretermine

  • Rottura precoce delle acque (rottura delle membrane)

  • Un lungo periodo di tempo tra la rottura delle membrane e il parto

  • Monitoraggio fetale interno durante il travaglio

  • Una precedente gravidanza con un bambino affetto da Streptococco di gruppo B

  • Etnia afro-americana o ispanica
    Streptococco di gruppo B nelle urine (batteriuria) durante la gravidanza

Quali sono i sintomi dell’infezione da GBS in un bambino?

I neonati affetti da Streptococco di gruppo B di solito presentano segni nelle prime 24 ore dopo la nascita. Questi segni possono includere

  • Agitazione, letargia e problemi di respirazione (segni di sepsi)

  • Respiro rapido e grugniti (segni di polmonite)

  • Periodi di assenza di respirazione (segni di meningite)

  • Variazione della pressione sanguigna

  • Convulsioni (crisi epilettiche)

I bambini che si ammalano di streptococco di gruppo B una settimana circa dopo la nascita possono presentare segni quali:

  • Diminuzione dei movimenti di un braccio o di una gamba

  • Dolore al movimento di un braccio o di una gamba

  • Problemi di respirazione

  • Febbre

  • Area rossa sul viso o su altre parti del corpo

Streptococco di gruppo B in gravidanza sintomi
Streptococco di gruppo B in gravidanza sintomi

Come viene trattato lo streptococco di gruppo B in un neonato?

I neonati possono aver bisogno di cure e trattamenti nell’unità di terapia intensiva neonatale (NICU), spesso sotto forma di antibiotici per via endovenosa. Se il bambino presenta meningite, polmonite o un’infezione grave, potrebbero essere necessari altri trattamenti.

Come viene trattata la GBS in una madre?

Se il test GBS è positivo e non ci sono sintomi o complicazioni, il trattamento consiste nel somministrare antibiotici per via endovenosa (IV) all’inizio del travaglio o alla rottura delle membrane (quando si rompono le acque). Gli antibiotici sono un tipo di farmaco che uccide i batteri. La penicillina o l’ampicillina sono i farmaci per via endovenosa che i medici usano di solito per trattare lo streptococco di gruppo B durante il travaglio e il parto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli