Studentessa scopre 17 pianeti: uno è potenzialmente abitabile

Michelle Kunimoto

E' solo una studentessa ma il suo nome ha già fatto il giro del mondo. Merito della sua scoperta, 17 pianeti, tra cui un mondo poco più grande della Terra e nella zona "abitabile". Lei è Michelle Kunimoto, giovane dottoranda dell'università British Columbia ed è riuscita nell'impresa grazie ai dati raccolti dal telescopio Kepler della Nasa.

LEGGI ANCHE: La Nasa cerca nuovi astronauti

L'entusiasmo di Michelle

Il risultato è stato pubblicato dalla prestigiosa rivista scientifica "The Astronomical Journal" e commentato così dalla "promessa" dell'astrofisica: "E’ stato davvero entusiasmante, dato che finora ci sono stati solo 15 piccoli pianeti confermati nella zona abitabile trovati nei dati di Kepler".

Un pianeta chiamato "KIC-7340288 b"

Tra i 17 pianeti scovati da Michelle, il più interessante è quello chiamato KIC-7340288 b, un pianeta roccioso il cui diametro è circa 1,5 volte quello della Terra. "Questo pianeta è a circa mille anni luce di distanza da noi, quindi non ci arriveremo presto!" ha scherzato, ma intanto è stato possibile tracciarne le caratteristiche che lo rendono “potenzialmente abitabile”. Il pianeta, infatti, ha un anno lungo 142 giorni e mezzo e orbita attorno alla sua stella a una distanza poco più grande dell'orbita di Mercurio. A differenza di questo pianeta però, non ha temperature così alte perché riceve dalla sua stella circa un terzo della luce che la Terra riceve dal Sole e di conseguenza si trova in una zona dalle temperature piuttosto miti. Per questo, va studiato e la sua “scopritrice” Michelle non vede l’ora di farlo.

GUARDA ANCHE: La luna vista dall’Apollo 13