Tampon Tax, l'Iva su assorbenti compostabili passa dal 22% al 5%

Tampon Tax, l'Iva su assorbenti compostabili passa dal 22% al 5%

Il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri ha annunciato con un tweet il taglio della Tampon Tax. L'Iva su tamponi e assorbenti compostabili e biodegradabili passa infatti dal 22% al 5%.

 "Un primo segnale di attenzione per milioni di ragazze e donne nel decreto fiscale su cui abbiamo lavorato con le deputate di maggioranza di Intergruppodonne", ha scritto il ministro sui social.


LEGGI ANCHE: Attacco a Laura Boldrini: manifesti anti-immigrati con il suo volto


Solo il primo passo

E tuttavia è importante anche precisare che questo è solo il primo passo (uno dei tanti) affinché un segnale di attenzione venga dato davvero. Il provvedimento, infatti, riguarda solo gli assorbenti biodegradabili e compostabili. In Italia, però, sono pochissime le marche di assorbenti con caratteristiche di questo tipo e che possono quindi beneficiare del taglio dell’Iva.

Bene, dunque, ma non benissimo; come al solito ci si sarebbe potuti sprecare un po’ di più. Basti pensare che in Germania, dove il taglio della tampon tax (dal 19% al 7%) entrerà in vigore nel 2020, non si fa alcuna menzione a restrizioni a biodegradabili e compostabili.


Boldrini: "Prima risposta a problema posto dalle donne"

Laura Boldrini (Pd), prima firmataria dell'emendamento sottoscritto da 32 deputate, comunque, è soddisfatta. Ha definito l'abbassamento dell'Iva "una prima risposta al problema posto con determinazione dall'intergruppo delle deputate in merito all'abbassamento dell'Iva sui prodotti sanitari e igienici femminili".

LEGGI ANCHE: Come sta cambiando la plastic tax


Castelli: "Un segnale di civiltà"

Per il viceministro all'Economia Laura Castelli, poi, "si tratta di un grande risultato, cui abbiamo lavorato intensamente con il Parlamento in questi anni. Un segnale di civiltà, con una visione green. Sono molto contenta".


GUARDA ANCHE: Tampon Tax, quanto costa essere donna in Italia