Caldo fino a 30 gradi, ecco dove

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Ottobrata africana in atto sull’Italia grazie a un promontorio anticiclonico di origine sub-tropicale che sta interessando il nostro Paese. L’aria calda proveniente dal deserto algerino e tunisino farà aumentare le temperature fino a 30°C al Sud, il clima risulterà mite anche su molte altre zone d’Italia. Il team del sito iLMeteo.it comunica che questa situazione è provocata dal ciclone Imka che sta portando un’intensa fase di maltempo sull’Europa occidentale. Le spire del ciclone allungandosi fin verso la Penisola Iberica richiamano aria calda africana responsabile dell'ottobrata sul Mediterraneo e sull'Italia.

GUARDA ANCHE: Il settembre più caldo della storia

Le regioni che risentiranno maggiormente di questo caldo fuori stagione saranno quelle del Sud, soprattutto la Sardegna dove i valori termici massimi venerdì potranno sfiorare i 30°C a Carbonia, Oristano, Sanluri e nelle zone interne. Farà caldo anche in Sicilia (sabato punte di 28°C), in Calabria (26°C), Puglia (25°C a Taranto e nel Gargano) e in Campania (specie sul casertano). Temperature un po’ meno calde invece man mano che si risale verso il Nord Italia.

Per quanto riguarda il tempo la situazione non subirà grossi scossoni fino a venerdì. Il sole sarà prevalente al Centro-Sud, mentre un cielo coperto con qualche pioggia interesserà il Piemonte e la Liguria e nubi sparse il Nordest. Venerdì invece una perturbazione porterà piogge su tutto il Nord.

Oggi - Al nord: cielo coperto su Piemonte e Liguria con piogge deboli, sole altrove. Al centro: nubi sparse in Toscana, sole altrove. Al sud: soleggiato.

Domani - Al nord: piogge deboli su Piemonte e Liguria, più sole altrove. Al centro: nubi sparse in Toscana, soleggiato altrove. Al sud: cielo poco nuvoloso.

Venerdì 23 - Al nord: piogge da Ovest verso Est. Al centro: coperto con piogge in Toscana dal pomeriggio. Al sud: nubi sparse.

Nel weekend precipitazioni che si portano anche sul resto del Centro e al Sud.

GUARDA ANCHE: Ghiacci quasi ai minimi storici