#thenovemberissue: Elle Decor Italia è in edicola con il numero che celebra i suoi primi 30 anni

Di Redazione digital
·2 minuto per la lettura

From ELLE Decor

Continua la staffetta tra print e digital in occasione dello speciale anniversario di Elle Decor Italia. Dopo il lancio dell’hashtag #elledecoritalia30years, che ha visto a partire da gennaio 2020 l’intreccio di contenuti tra il magazine, il sito e i social, la piattaforma continua la contaminazione tra i due mezzi promuovendo e sostenendo la pubblicazione del numero di Novembre che celebra ufficialmente il trentennale della rivista. Completeranno il numero, che da oggi è in edicola, interviste, articoli, video, newsletter, post e sondaggi.

L’invito è quello di collezionare quello che noi chiamiamo anche #thenovemberissue, disponibile con 3 copertine diverse. Sfogliarlo è come guardare una foto in formato panoramico: l’ampiezza dello sguardo, quello che in 3 decenni ha raccontato l’abitare a 360 gradi, non cattura solo i luoghi ma instaura relazioni tra il passato, il presente e il futuro, rendendo Il tempo in qualche modo protagonista di una storia iniziata nel 1990 che ha attraversato la contemporaneità cercando, ogni volta, di comprenderla e interpretarla con lo sguardo rivolto in avanti.

A guidarci, come sempre, sono le immagini (che, riferendosi al design, Elle Decor Italia ha letteralmente ricodificato) e le parole. Da queste ultime vorremmo partire per presentare il numero che da oggi è in edicola: 4 keyword che aprono il magazine e che sono altrettante occasioni di riflessione affidate alla voce di 4 testimonial.

Loro sono Michele De Lucchi, Cecilia Alemanni, Stefano Boeri e Ingrid Paoletti e si confrontano rispettivamente con i concetti di Togetherness, Immaginazione, Armonia, (R)Evolution, facendo da apripista a 4 “capitoli” dove i pensieri e le visioni si intrecciano come tessere di un puzzle che ricompongono lo sfaccettato panorama a cui prima accennavamo: l’archivio di Elle Decor Italia.

Da non perdere, poi, la storia di 30 anni di interiors, che è anche la storia dell'abitare raccontato attraverso tre decenni e decine di luoghi interpretati da autori che hanno lasciato un segno che ha fatto la differenza nel campo dell'architettura degli interni. Ai loro progetti, che rappresentano visioni molto personali, si aggiungono le loro parole, quelle che raccontano non solo il presente ma anche il futuro.