Time-out: cosa fare quando non funzionano

·5 minuto per la lettura
i time-out non funzionano
i time-out non funzionano

Quando i time-out non funzionano potrebbero subentrare diversi dubbi. Probabilmente avete sentito grandi cose su come i time-out frenino bene i comportamenti indesiderati. Tuttavia, togliere il bambino che si comporta male dall’azione per un po’ di tempo in solitudine non sempre funziona. C’è qualcosa che si può fare per rendere i time-out più efficaci?

Ecco alcuni problemi comuni che i genitori devono affrontare e alcuni consigli per far funzionare meglio i time-out. Ricordate che, in alternativa, esistono delle tattiche di disciplina altrettanto efficaci.

Vostro figlio non prende sul serio i time-out

Se vostro figlio vi guarda con aria assente, alza gli occhi al cielo o mostra di non essere impressionato dall’idea di un time-out, ci possono essere diverse spiegazioni. Siate realistici: i bambini si sviluppano a ritmi diversi. Quello che funziona per il bambino delle elementari del vicino potrebbe essere troppo per il vostro bambino di 2 anni.

I bambini molto piccoli non hanno molto controllo sui loro impulsi e di solito hanno bisogno di sentirsi dire cosa ci si aspetta da loro molte, molte volte prima di capire. Quindi, quando state decidendo se i time-out potrebbero funzionare per voi, considerate se vostro figlio è abbastanza maturo da capire cosa gli state chiedendo di fare.

La coerenza è la chiave. Non chiamate un time-out oggi e saltarlo domani perché siete di umore migliore.

Agite immediatamente. È importante dare il time-out sul posto. Non aspettate 30 minuti – o anche cinque – finché non è più conveniente. Se siete in pubblico, date il time-out proprio dove siete. Se aspettate di arrivare a casa, perdete la connessione tra il time-out e il comportamento che lo ha causato.

Mantenere la calma. Il modo in cui vi comportate prima, durante e dopo un time-out può essere importante quanto il comportamento di vostro figlio. Arrabbiarsi e parlare troppo sono i due errori più comuni che i genitori commettono quando danno un time-out. Dite a vostro figlio cosa ha fatto di male nel minor numero di parole possibile e mantenete la calma mentre lo mettete in castigo.

Il bambino non vuole stare fermo

La maggior parte dei bambini ha difficoltà a stare ferma per più di qualche minuto. Non sentitevi obbligati a rispettare la regola standard del minuto per anno per i time-out. Non appena il bambino si è calmato, il time-out è servito allo scopo. Se il vostro bambino si rifiuta di andare al suo posto e di restarci, ha bisogno del vostro aiuto. Accompagnatelo al posto prescelto e ditegli con calma di sedersi. Se si alza di scatto, rimettetelo gentilmente a sedere.

Fatelo in modo coerente, dolcemente e senza rimproveri. Possono essere necessari alcuni time-out prima che vostro figlio decida che preferisce cooperare piuttosto che essere tenuto fermo. Inoltre, va da sé che non bisogna mai fare uno scatto o costringere il bambino a recarsi al suo posto di time-out.

Se non riuscite a tenere il bambino in un time-out senza lottare, fategli sapere che ci sarà una conseguenza specifica per chi lascia il time-out in anticipo. Questo funziona meglio per i bambini un po’ più grandi e può significare che non potrà guardare il suo programma televisivo preferito o non potrà giocare con il suo giocattolo preferito per il resto della giornata.

quando i time-out non funzionano
quando i time-out non funzionano

I time-out non funzionano: il bambino si comporta male

Scegliete il posto giusto. L’idea di un time-out è quella di allontanare il bambino da ciò che lo sta facendo arrabbiare, non di togliere la vostra attenzione da lui. Sebbene sia un luogo popolare per il time-out, la camera da letto di un bambino potrebbe non essere il posto migliore per incoraggiare il “tempo tranquillo”. In primo luogo, è probabile che sia fuori dalla vostra vista (e forse anche dalla vostra attenzione). Un bambino può trovare giocattoli, libri o altri oggetti di gioco nella stanza, il che può compromettere lo scopo di un time-out.

Inoltre, un bambino più giovane potrebbe ancora imparare a dormire bene da solo, e la sua camera da letto dovrebbe essere un santuario piuttosto che un luogo di disciplina. Invece della stanza di tuo figlio, scegliete una sedia vicina, un angolo o un altro posto sicuro lontano da molte distrazioni, e se necessario restate lì con lui.

Intervenire prima del crollo. È sconvolgente da ascoltare, ma un drammatico spettacolo di lacrime non significa che il time-out non stia funzionando. Aiuta a iniziare un time-out o ad allontanare il bambino dalla situazione prima che si metta a piangere. Se questo non è possibile, cercate di ignorare il baccano. La maggior parte dei bambini alla fine si calma.

Anche se il vostro non si calma, la questione chiave è se continua a comportarsi male dopo il time-out. Se le sue azioni e la sua compostezza migliorano, avete raggiunto il vostro scopo.

I time-out non funzionano: perdono la loro efficacia

Scegliete le vostre battaglie. Un bambino è costantemente in esplorazione – il mondo è un grande esperimento per lui. Vuole scoprire cosa sono le cose, come funzionano e cosa può (e non può) fare. Lungo la strada, naturalmente, fa un sacco di cose che preferireste non facesse, dal tagliarsi i capelli a strappare tutti i petali dai fiori del vostro giardino.

Non si può contare sui time-out per correggere ogni atto fastidioso. Usati troppo frequentemente, i time-out non saranno efficaci e potrebbero soffocare la naturale curiosità di vostro figlio. Conservateli per quando è volontariamente disobbediente, aggressivo o violento.

se i time-out non funzionano
se i time-out non funzionano

Osservate gli schemi. Se vostro figlio va regolarmente in castigo per lo stesso comportamento scorretto, cercate di capirne il motivo. Se picchia sua sorella, forse è geloso e ha bisogno di abbracci extra e di essere rassicurato quando non è aggressivo. Se una furia di rabbia si traduce in un time-out, insegnagli modi positivi in cui può sfogare la sua rabbia. Forse può correre fuori finché non si sente più calmo o fare un respiro profondo ed espirare per liberare la sua rabbia.

Assicuratevi di fornire un sacco di “time-in” – compreso l’incoraggiamento, gli abbracci e i baci – sia che stia facendo qualcosa che vi piace o meno.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli