Tisana al basilico: il rimedio naturale per dormire bene

·2 minuto per la lettura
Dormire con la tisana al basilico
Dormire con la tisana al basilico

Facile da coltivare, profumato, può essere seminato a partire dal mese di febbraio nelle regioni più miti. Cosa lo rende così speciale? Il suo utilizzo nel combattere l’insonnia.

Tisana al basilico: quello che non sapevi

Da secoli, la medicina ayurvedica, prevedeva l’uso del basilico per combattere l’insonnia, perchè agisce direttamente sulla causa. E’ in grado di alleviare lo stress, favorendo una meritata calma.

Sarà capitato a tutti di svegliarsi nel bel mezzo della notte, o semplicemente di non riuscire più a prendere sonno: la colpa potrebbe essere del cortisolo, l’ormone dello stress. Esso viene prodotto dalle ghiandole surrenali, in grandi quantità, nei periodi di stress, favorendo il rilascio di glucosio nel flusso sanguigno. Il cortisolo raggiunge il massimo livello tra le 6 e le 8 del mattino, ma uno stress persistente può interrompere il ciclo del sonno, facendoci svegliare in piena notte.

Tisana al basilico: meglio acquistarlo o coltivarlo direttamente a casa?

Il basilico è una pianta erbacea annuale. Fa parte delle tantissime erbe aromatiche dai profumi intensi ed avvolgenti, inoltre è una delle più facili da coltivare. Si adatta benissimo a qualsiasi vaso e necessita di una posizione molto soleggiata. Un particolare accorgimento è quello di eliminare costantemente le cime fiorali per permettere la produzione continua di foglie, per un tempo più lungo possibile.

Il suo olio essenziale è costituito da alcool aromatici tra cui linalolo, estragolo, eugenolo e cineolo. Ha un forte potere calmante del sistema nervoso, tonifica persino l’organismo nei periodi di stress e calma l’ansia.

Tisana al basilico: come prepararla

Per primissima cosa, dirigetevi nel vostro giardino e raccogliete le vostre foglioline. Sarà sufficiente infondere 10g di foglie per 5 minuti in una tazza d’acqua bollente e poi filtrare. Si consiglia il consumo da tiepida, mezz’ora prima di coricarsi. Volendo è possibile dolcificare la tisana con un po’ di miele di tiglio.

LEGGI ANCHE: Oleolito di basilico: benefici e caratteristiche