Tiziano Ferro: il fisco italiano gli pignora 9 milioni di euro

Per Tiziano Ferro si preannuncia un periodo torrido.

Nel picco più caldo dell'estate, il fisco italiano ha infatti pignorato al cantante ben 9 milioni di euro. La conferma giunta nei giorni scorsi dal Tribunale civile di Latina, si riferisce ad un contenzioso di diversi anni fa perché il cantante avrebbe omesso di versare Irpef, Irap e Iva relative ai periodi d'imposta 2006, 2007 e 2008.

La sentenza, arrivata lo scorso 15 luglio, ha dunque rigettato la sospensione del pignoramento presso la «Tzn Srl», società del cantante, che avrebbe omesso di versare delle tasse nel periodo in cui viveva in Gran Bretagna.

Come riporta la testata locale «Latina oggi», il cantautore, che da anni risiede a Los Angeles, si era già opposto al pignoramento, ma il tribunale ha deciso che «non si ravvisano i presupposti per la sospensione del pignoramento e della procedura esecutiva in corso». Si tratta della fase cautelare, ora Ferro potrà introdurre il giudizio di merito per far valere le proprie ragioni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli