Tornano il piacere di muoversi e la riscoperta di luoghi e passion

·2 minuto per la lettura
Photo credit: Elle
Photo credit: Elle

È iniziata a fine maggio con la vittoria dei Måneskin all’Eurovision song contest. Poi Matteo Berrettini in finale a Wimbledon, il trionfo a Wembley della Nazionale, l’ovazione di undici minuti per Nanni Moretti e la palma d’onore a Marco Bellocchio a Cannes. Se ancora non bastasse, da questa settimana vivremo le emozioni che ci regalerà la spedizione azzurra ai Giochi olimpici. Tutto ciò mentre a palazzo Chigi c’è un premier che incassa i giudizi lusinghieri del New York Times: «Mario Draghi sta facendo dell’Italia una potenza in Europa», e le stime dicono che a fine anno la crescita sfiorerà il 5 per cento. All’improvviso, in questo spicchio d’estate, l’Italia è tornata uno spazio di possibilità, al centro dell’attenzione del mondo.

Roma nei giorni scorsi è stata anche la capitale globale dei temi della parità di genere con il W20, il summit del gruppo del G20 dedicato alla promozione di politiche per l’affermazione femminile, presieduto da Linda Laura Sabbadini. Su lavoro, accesso all’istruzione, lotta agli stereotipi di genere e alla violenza, inclusione, la strada da percorrere è lunga, come sa bene la comunità di Elle, da sempre impegnata su questi temi. Mai come ora, tuttavia, queste istanze sono state poste con tanta forza. Dopo mesi di isolamento i nostri tempi cambiano, si riappropriano di spazi di leggerezza, di libertà. Tornano il piacere di muoversi, di vestirsi, la cura di sé e la curiosità della ri-scoperta di luoghi e passioni. Il gusto di giornate a colori. Il coraggio del desiderio. Tutto, di nuovo, sembra possibile.

Per le strade delle nostre città, nei centri turistici, si risentono accenti stranieri. La settimana della moda maschile lo scorso giugno a Milano e il Pitti a Firenze, sia pure in scala ridotta, sono stati una specie di prova generale di ritorno alla vita, in vista degli appuntamenti con la Mostra del cinema di Venezia, con il Salone del mobile di Stefano Boeri a inizio settembre, con le sfilate femminili. Non vediamo l’ora.

Ringrazio Maria Elena Viola, da cui raccolgo il testimone, per quel che ha costruito a Elle in questi anni e per la straordinaria squadra che ha saputo mettere insieme. Molte delle loro idee le leggerete in questa pagina, perché l’editoriale da oggi diviene uno spazio corale, che si arricchisce di più voci. Come in queste sere d’estate che sanno già di vacanza, ci trasformeremo divertendoci. Quando saremo felici, ci faremo caso. E, seduti all’aperto, torneremo a respirare a pieni polmoni il profumo della possibilità.

Scrivetemi pareri, commenti, consigli a direttoreelle@hearst.it

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli