Tutti i dettagli sul vaccino contro la varicella

·4 minuto per la lettura
vaccino contro la varicella
vaccino contro la varicella

Gli esperti raccomandano il vaccino contro la varicella e molte scuole e asili lo richiedono. Di seguito troverai tutti i dettagli, e ricorda che vaccinare tuo figlio è di vitale importanza, e potrai trarne grande beneficio e sicurezza.

Vaccino contro la varicella: perché è importante

La varicella non è una festa. Se tuo figlio la prende, è probabile che sviluppi un’eruzione di vesciche pruriginose e dolorose accompagnate da febbre e stanchezza. Se le vesciche si infettano, potrebbe aver bisogno di antibiotici. Possono anche lasciare cicatrici permanenti, possibilmente sul viso. Se sta andando all’asilo o a scuola quando prende la varicella, dovrà rimanere a casa fino a quando tutte le vesciche non si sono incrostate (di solito circa una settimana).

La varicella può essere grave e persino mortale. Prima del vaccino, causava una media di 10.600 ricoveri e da 100 a 150 morti all’anno. Le complicazioni includevano polmonite e gravi infezioni della pelle, e la maggior parte dei decessi avveniva in persone precedentemente sane. Il vaccino protegge i bambini dal peggio di questa malattia. Due dosi sono circa il 98% efficaci nel prevenirla, e i bambini vaccinati che ne vengono colpiti hanno solo sintomi molto lievi. Questo di solito significa meno di 50 vesciche, niente febbre e meno tempo di malattia.

Varicella ed herpes zoster

Il vaccino può aiutare a proteggere il bambino contro una malattia correlata chiamata herpes zoster. Circa 1 adulto su 3 che ha avuto la varicella all’inizio della vita si ammala di questa eruzione di vesciche estremamente dolorose e deturpanti. Se una persona vaccinata prende l’herpes zoster, di solito è meno grave. Questa problematica compare quando il virus della varicella, che vive per sempre nel sistema nervoso centrale, si “risveglia” e diventa nuovamente attivo. Le persone che sono state vaccinate contro la varicella possono ancora avere l’herpes zoster, ma avranno un caso molto meno grave di quelli che hanno avuto la malattia stessa.

Per alcuni genitori e molti nonni che ricordano di aver avuto la varicella da bambini e di essersi ripresi, il vaccino può sembrare inutile. Alcuni genitori pensano che sia meglio lasciare che i loro figli siano esposti alla varicella in modo da ottenere la malattia naturalmente. Tuttavia, per tutte le ragioni elencate sopra, sia l’Accademia Americana di Pediatria che i Centri per il Controllo delle Malattie sono d’accordo sul fatto che fare il vaccino contro la varicella è molto più sicuro per i bambini che prendere la malattia, e hanno inserito il vaccino nel programma di vaccinazioni raccomandate.

Qual è il programma raccomandato?

Numero raccomandato di dosi

Due iniezioni a distanza di almeno tre mesi. I bambini che ricevono il vaccino dopo i 13 anni possono ricevere le dosi a distanza di 4-8 settimane.

Età raccomandate

  • Tra i 12 e i 15 mesi

  • Tra i 4 e i 6 anni

Il vaccino contro la varicella può essere abbinato al vaccino per morbillo, parotite e rosolia in un’unica iniezione, chiamata MMRV (morbillo-parotite-rosolia-varicella).

Chi non dovrebbe fare il vaccino contro la varicella?

Un bambino che ha avuto una grave reazione allergica alla gelatina o all’antibiotico neomicina non dovrebbe ricevere l’immunizzazione. Se un bambino ha una grave reazione allergica alla sua prima vaccinazione, non dovrebbe riceverne una seconda. Se tuo figlio ha il cancro o qualsiasi altra malattia che colpisce il suo sistema immunitario, ha avuto recentemente una trasfusione di sangue o sta prendendo alte dosi di steroidi orali, il suo medico valuterà attentamente se dargli il vaccino è una buona idea.

C’è un rischio maggiore di convulsioni febbrili per alcuni bambini con il vaccino MMRV. Se tuo figlio ha meno di 4 anni e ha avuto una crisi o c’è una storia familiare di crisi, assicurati che riceva dosi separate dei vaccini MMR e varicella.

Il vaccino contro la varicella è un vaccino vivo?

La varicella è un vaccino vivo-attenuato. Questo significa che è un virus vivo che è stato indebolito in modo che è improbabile che causi la malattia. Invece, il virus si replicherà nelle cellule del corpo e indurrà il corpo a produrre una risposta immunitaria, che dovrebbe proteggere contro una vera infezione da varicella.

Quali sono i possibili effetti collaterali?

Circa il 20 per cento dei bambini avrà un po’ di indolenzimento nel sito dell’iniezione. Circa il 10 per cento ha una febbre di basso grado. In rari casi, un bambino può avere una forma molto lieve della malattia. Circa il 4 per cento dei bambini, invece, sviluppa un’eruzione cutanea lieve (circa dieci vesciche simili alla varicella).

Meno di 1 bambino su 2.500 ha un attacco causato dalla febbre alta (e un po’ di più con il vaccino MMRV). Anche se le convulsioni febbrili possono sembrare spaventose, sono quasi sempre innocue per il bambino. Ad ogni modo, chiama subito il tuo medico se il tuo bambino ne ha uno.

Gravi reazioni allergiche sono rare ma possibili con qualsiasi vaccino. Ricorda di parlarne sempre col pediatra.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli