Tutti possono fare un dolce per Natale. Basta conoscere i trucchi giusti...

Di Désirée Paola Capozzo
·4 minuto per la lettura
Photo credit: Food Photographer | Jennifer Pallian su unsplash
Photo credit: Food Photographer | Jennifer Pallian su unsplash

From ELLE

Tutti possono fare un dolce. Basta conoscere i trucchi giusti. Lo crede fermamente Sara Brancaccio che la sua dolce vie en rose l’ha vissuta partendo da Parigi, quando davanti a una fetta di tarte au citron ha capito che da allora – in barba agli studi di giurisprudenza – avrebbe fatto questo: cucinato dolci. «Fu una svolta: iniziai a frequentare i corsi di pasticceria del Gambero Rosso. E a sognare una bakery tutta mia».

E il sogno si realizza: nel 2013 apre a Pisa la sua Cookiss Bakery. Nel 2015, però, la vita mette Sara davanti a un bivio: chiudere la pasticceria per prendersi cura della sua bambina Elena, una piccola guerriera nata sottopeso. «Ma da quello che credevo un fallimento, è nato un progetto più grande: ho studiato food photography, tecniche web e seo e ho trasformato il sito della bakery in un blog».

Photo credit: FRANCESCO FORNAINI
Photo credit: FRANCESCO FORNAINI

Ed è stato l’inizio di popolarità in crescendo, dai tanti follower su Instagram con @cookissbakery (dove trovate anche Elena e il fido Leo) al libro appena pubblicato Dolci senza bilancia.

Qual è la tua madeleine?

La torta magica al radicchio che faceva mia madre spacciandocela per cioccolato, dato che ha un retrogusto simile. Noi ci cascavamo sempre...

Il dolce del tuo Natale?

La corona di pavlova con crema e frutta di stagione.

L’ingrediente preferito?

Il cioccolato. Con l’aggiunta di pochi ingredienti si possono realizzare mousse, croccanti, glasse...

In cucina mai senza...

Fruste elettriche, facilitano tanto il lavoro.

Progetti futuri?

Portare la mia pasticceria facile in tv.


I 5 precetti di Sara Brancaccio

Moltissime persone nutrono un discreto terrore per la preparazione dei dolci. Forse perché credono che realizzarli sia complicatissimo, invece il libro di Sara Brancaccio è ricco di consigli semplici da seguire. Bonus extra: tra le pagine ci sono QR code da inquadrare con lo smartphone per accedere a contenuti video a tema.

1 Seguite tutti i passaggi. E in rigoroso ordine di successione. Sembra scontato, ma non lo è. In fondo, ricordiamolo, la pasticceria è chimica...

2 Occhio alle dosi. La buona notizia è che, per scongiurare pesate non del tutto precise, le ricette del libro hanno indicazioni in grammi e in bicchieri o cucchiai e tollerano un errore di 20-30 g, così da non compromettere il risultato finale.

3 Setacciate gente, setacciate... Le farine e gli ingredienti polverosi vanno sempre passati al setaccio per evitare grumi e impasti poco omogenei.

4 Rispettate i tempi di cottura. E mettete in conto errori iniziali. Piano piano imparerete a conoscere pregi e difetti del vostro forno.

5 Rimediate con creatività. Classica cupola sul Pan di Spagna? Vuol dire che si è lavorato troppo l’impasto oppure è stata usata solo farina, senza aggiungere amido. In ogni caso, se dovesse capitare, è possibile tagliarla. Ma ribaltando la teglia appena sfornata, questo non succederà.

Una delle ricette più belle del libro di Sara Brancaccio? La petalosa...

Torta petalosa con bavarese alla vaniglia, fragole e pistacchi

Photo credit: Sara Brancaccio
Photo credit: Sara Brancaccio

Ingredienti

100 g di pistacchi, 100 g di zucchero, 50 g di cioccolato bianco, 50 g di acqua. Per la bavarese: 500 g di latte intero, 6 tuorli, 150 g di zucchero semolato, 16 g di gelatina in fogli, 500 g di panna liquida,1 bacca di vaniglia, 125 g di fragole. Per decorare: cacao spray bianco e fiori eduli q.b.

Preparazione

Immergete la gelatina in acqua fredda, poi scaldate il latte in un pentolino con la vaniglia e portate a bollore. Versatene metà in una ciotola dove precedentemente avete sbattuto i tuorli e lo zucchero. Mescolate e trasferite nel pentolino con il restante latte. Scaldate sul fuoco fino a raggiungere gli 82°C. Unite la gelatina ben strizzata e amalgamate. Montate la panna e incorporatela alla crema ormai fredda. Versate il composto in una teglia a cerniera del diametro di 20 cm rivestita con della pellicola trasparente. Lasciate nel congelatore per 2 ore. Tagliate le fragole a cubetti e versatele nello stampo con la bavarese. Riponete ancora nel congelatore. Preparate il croccante sciogliendo in un pentolino acqua e zucchero. Portate a bollore, poi aggiungete i pistacchi tostati in forno a 170 °C. Quando saranno ricoperti di caramello ambrato, versateli su una teglia rivestita di carta da forno. Fate raffreddare, poi frullatene metà per ottenere una crema densa (pralinato) e tritate grossolanamente l’altra metà con un coltello, infine unite i due composti. Fondete il cioccolato bianco a bagnomaria e aggiungete al croccante. Estraete la bavarese dal congelatore e stendete la base croccante in modo uniforme, poi riponete di nuovo la torta in freezer per 10 ore. Rimuovete il dolce dallo stampo, posizionatelo su una griglia e decoratelo con il cacao spray bianco, le fragole fresche e i fiori.