Tutti i rimedi per l'incontinenza anale post-parto

·2 minuto per la lettura
Incontinenza anale post-parto
Incontinenza anale post-parto

È normale avere l’incontinenza anale post-parto? Sì, è abbastanza comune avere problemi a controllare i gas o i movimenti intestinali dopo il parto. Questa una condizione è appunto nota come incontinenza anale. I ricercatori stimano che tra il 5 e il 25 per cento delle donne hanno incontinenza anale dopo un parto vaginale.

Questa problematica può derivare da un danno ai muscoli del pavimento pelvico o ai nervi (o a entrambi) durante il parto, o da uno strappo o un’altra lesione allo sfintere anale. Per esempio, se hai avuto un parto vaginale assistito (specialmente con forcipe) o un’episiotomia, è più probabile che abbia uno strappo vaginale abbastanza grave da coinvolgere lo sfintere anale. Le lacerazioni gravi tendono anche a verificarsi se hai un bambino grande o se quest’ultimo arriva rivolto verso l’alto (parto posteriore).

Quanto durerà l’incontinenza anale post-parto?

La maggior parte delle donne riacquistano il controllo dell’intestino entro pochi mesi dal parto, mentre l’area guarisce. Altre possono avere – o sviluppare – incontinenza molti anni dopo. A volte le donne sviluppano incontinenza anale non legata alla gravidanza quando invecchiano, specialmente dopo la menopausa.

Come posso affrontare l’incontinenza anale?

L’incontinenza anale può essere angosciante, quindi parla con il tuo medico di come gestire la condizione. Le ricerche dimostrano che esercitare i muscoli che sostengono la vescica, l’utero e l’intestino (muscoli del pavimento pelvico) può prevenire o addirittura invertire l’incontinenza anale. Quindi il medico potrebbe consigliarti di fare regolarmente esercizi di Kegel per rafforzare i muscoli del pavimento pelvico. Quest’ultimi possono essere di grande aiuto anche se soffri di incontinenza urinaria.

Esercitati con alcuni Kegel durante la visita di controllo, in modo che il medico possa assicurarsi che li stia facendo correttamente. Se non dovessero aiutare, prendi un appuntamento con un fisioterapista per la riabilitazione pelvica. Molte donne con incontinenza anale, così come quelle che hanno difficoltà a svuotare l’intestino, vedono un miglioramento dopo la terapia del pavimento pelvico. In rari casi, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per correggere il problema.

Nel frattempo, potresti voler indossare della speciale biancheria intima assorbente (che si trova nelle farmacie) per gestire le perdite intestinali.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli