Tutti i tagli capelli di Charlène di Monaco nel 2020, dalla frangetta alla rasata punk

Di Redazione Digital
·1 minuto per la lettura
Photo credit: Pascal Le Segretain - Getty Images
Photo credit: Pascal Le Segretain - Getty Images

From ELLE

Il titolo di più ribelle di Monaco nel 2020 è ufficialmente andato a Charlene Wittstock, non più principessa triste ma principessa punk. Questo grazie ai suoi tagli di capelli che, quasi senza farcene accorgere, hanno virato nel corso dell'anno verso sfumature sempre più punk fino ad approdare alla rasata laterale sfoggiata in dicembre, quel taglio che mai nessuna royal aveva osato portare prima. La moglie di Alberto II di Monaco ha dato il via ai cambiamenti di hair styling a inizio anno, affacciandosi al balcone di Palazzo Grimaldi insieme al marito e i figli (i gemelli Jacques e Gabriella di 5 anni) sfoggiando per l'occasione un'acconciatura raccolta che ha rivelato anche un nuovo taglio corto con frangia.

Dopo l'estate la prima virata verso il rock and roll con un taglio completamente inedito, a scardinare l'immagine bon ton a cui Charlene di Monaco ci aveva abituati: un caschetto con frangetta corta, netta, geometrica e tagliata a metà fronte per far cadere l'attenzione sugli occhi. È arrivato poi il taglio capelli corto, un caschetto pari appena sotto le orecchie che, se già ci sembrava audace, ha lasciato repentinamente il posto allo styling più punk di sempre, quell'undercut d'ispirazione chiaramente punk con cui Charlene ha detto addio alle regole principesche: mezza testa rasata e dall'altro lato solo un ricordo dei suoi giorni più bon ton.

1) Charlene di Monaco tagli capelli 2020: mix frangia e trecce

Photo credit: Getty Images
Photo credit: Getty Images

LEGGI DI PIÙ

2) Charlene di Monaco tagli capelli 2020: la frangia rock and roll

LEGGI DI PIÙ

3) Charlene di Monaco tagli capelli 2020: il caschetto pari

Photo credit: Getty Images
Photo credit: Getty Images

LEGGI DI PIÙ

4) Charlene di Monaco tagli capelli 2020: la rasata punk

Photo credit: Getty Images
Photo credit: Getty Images

LEGGI DI PIÙ