Tutti a Venezia per festeggiare i 20 anni de Le fate ignoranti (e parlare della serie tv!)

·3 minuto per la lettura
Photo credit: Ernesto S. Ruscio - Getty Images
Photo credit: Ernesto S. Ruscio - Getty Images

Per un attimo, ieri sera, passato e presente si sono sfiorati, fermando il tempo a Venezia. E' la piccola, grande magia cinefila di questa strepitosa 78esima edizione della Mostra del cinema di Venezia che, diciamolo, ci sta regalando grosse soddisfazioni. L'ultima (ma solo per ora, perché il festival va avanti fino a sabato) è la serata evento organizzata da Campari per omaggiare i vent'anni dal lancio del film Le fate ignoranti: esatto, il gioiellino - capolavoro del buon Ferzan Ozpetek e di cui, prossimamente, vedremo la versione seriale.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Ebbene, l'idea è tanto semplice quanto azzeccata: invitare in laguna tutto il cast originale del film, capitanato da Stefano Accorsi, per poi organizzare un interessantissimo faccia a faccia con quello nuovo della serie tv in cantiere per Disney+. Per l'esattezza i nuovi volti sono Cristiana Capotondi ed Eduardo Scarpetta nonché il nostro medico preferito Luca Argentero, la mitica Carla Signoris, Ambra Angiolini, Paola Minaccioni, Anna Ferzetti, Edoardo Purgatori e Filippo Scicchitano. I protagonisti di un tempo dialogheranno con quelli del presente, mettendo a confronto il cinema di inizio anni 2000 con quello, sempre più streaming e pandemico, di oggi e, ovviamente, snocciolando curiosità, gag e succosi dietro le quinte.

Photo credit: Ronald Siemoneit - Getty Images
Photo credit: Ronald Siemoneit - Getty Images

L'effetto amarcord è ovviamente garantito. E gradito. Torniamo infatti volentieri nel coloratissimo quartiere dove il "gran segreto" viene svelato. Come infatti si ricorderà, Le fate ignoranti ruota attorno alla coppia Massimo e Antonia: lui è morto, causa incidente stradale, lei è vedova e cornuta. Sulle prime, però, Antonia non lo sa (di essere stata tradita, intendiamo): piange e si dispera, chiudendosi in casa e nel suo lutto. Finché non trova un quadro, la cui dedica sul retro non lascia dubbi: suo marito aveva un amante, peraltro da ben sette anni. Quello che però ancora non sa è che si tratta di un uomo, gay, e peraltro assai affascinante. Ozpetek racconta così il suo viaggio di andata e ritorno nel mondo delle passioni: quelle, di segno opposto, che legavano Massimo alla moglie Antonia e all'amante Michele, nonché le passioni coloratissime e vivaci della famiglia allargata e multirazziale, che popola la casa di Michele. Uscita nel 2001, il film ha riscosso un gran successo, a dispetto delle aspettative che erano piuttosto basse. Medusa temeva un fiasco, invece il film è piaciuto così tanto che il passaparola ha spinto la casa di distribuzione a toccare quasi 300 copie.

Photo credit: courtesy photo/foto di Romolo Eucalitto/Disney
Photo credit: courtesy photo/foto di Romolo Eucalitto/Disney

L'impianto narrativo del film verrà ovviamente riproposto nella serie tv, attesa nei prossimi mesi sulla piattaforma Disney+, ma sarà anche espanso e approfondito. Finora non si sa moltissimo se non che Antonia, prima interpretata da Margherita Buy, avrà ora il volto di Cristiana Capotondi; Eduardo Scarpetta sarà Michele (Andrea Renzi) mentre Luca Argentero fa il marito deceduto, ereditando il ruolo di Stefano Accorsi. Il titolo inglese diventerà The Ignorant angels, mentre quello italiano resta Le fate ignoranti. All'ultimo Taormina Film Festival Ozpetek ha anticipato: "Quando ho visto la prima puntata, ho detto: "Però!". Lo so, me la canto e me la suono, ma, anche se al giorno d'oggi nessuno si scandalizza se un uomo tradisce la moglie con un altro uomo, sono rimasto colpito lo stesso. La cosa che fa impressione, secondo me, è il tradimento dei sentimenti, non il tradimento sessuale". Chissà ora quante ghiotte anticipazioni arriveranno da Venezia...

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli