Tutto ciò che devi sapere sul virus del Nilo occidentale

·4 minuto per la lettura
virus del Nilo occidentale
virus del Nilo occidentale

Nei pochi anni da quando il virus del Nilo occidentale è emerso per la prima volta, si è diffuso rapidamente e ha attirato molta stampa. Tuttavia, nonostante tutta l’attenzione, il virus è ancora raro. Le probabilità di essere morsi da una zanzara infetta sono molto basse, così come le probabilità di ammalarsi gravemente in seguito a una puntura.

Naturalmente, vorrai comunque proteggere il tuo bambino scoprendo come si trasmette il virus, quali sono i sintomi e quali trattamenti sono disponibili. Anche la malattia di Lyme può destare molta preoccupazione, e in questo caso è importante agire in fretta.

Come si diffonde il virus del Nilo occidentale?

Il virus del Nilo occidentale è diffuso dalle zanzare che prendono il virus da uccelli infetti e lo trasmettono quando pungono l’uomo o gli animali. Finora le zanzare infette sono le uniche portatrici conosciute del virus. Non può essere trasmesso da persona a persona (tranne forse nell’utero, se la madre è infetta) o da altri animali a persone.

Il virus è più comune quando il tempo è più caldo, in genere tra luglio e metà settembre. Tuttavia, negli Stati Uniti e in altri luoghi dai climi caldi, questa malattia può essere trasmessa tutto l’anno.

Quali sono i sintomi?

Circa il 20 per cento delle persone infette sviluppano sintomi lievi, simili all’influenza (dolori muscolari, febbre, mal di testa, ghiandole gonfie e a volte un’eruzione cutanea). Meno dell’1% delle persone morse da una zanzara sviluppa la complicazione più grave: un’infiammazione cerebrale potenzialmente fatale chiamata encefalite. Questa infezione può essere caratterizzata da mal di testa, febbre alta, rigidità del collo, disorientamento, coma, tremori, convulsioni, debolezza muscolare e paralisi.

In genere ci vogliono da tre a quindici giorni dal momento dell’infezione perché i sintomi si sviluppino. La buona notizia è che una volta infettati si diventa immuni al virus.

Chi è più vulnerabile?

Il virus del Nilo occidentale è più letale per gli anziani e per chiunque abbia un sistema immunitario compromesso (da AIDS o cancro, per esempio). Il virus non presenta un rischio maggiore per le donne incinte o per i bambini.

Come viene trattato?

Sfortunatamente, non esiste un trattamento per il virus, anche se i ricercatori stanno studiando una serie di potenziali terapie farmacologiche. I casi lievi della malattia tendono a guarire da soli in pochi giorni, ma i pazienti con casi gravi devono essere curati con un regime di fluidi per via endovenosa e possibilmente con farmaci immunoglobulinici.

Gli scienziati stanno lavorando per sviluppare un vaccino contro il virus del Nilo occidentale. Diversi possibili candidati al vaccino sono sotto studio. Ricorda di restare aggiornata e di vaccinare tuo figlio dalle potenziali malattie che potrebbero causare problemi.

Come posso proteggere il mio bambino?

Il modo migliore per proteggere il tuo bambino è evitare che venga morso dalle zanzare. Tieni il tuo bambino in casa all’alba, al tramonto e la sera presto durante i mesi caldi, quando le zanzare sono più voraci. Quando il tuo bambino è all’aperto, coprilo. Vestilo con maglie larghe, leggere, a maniche lunghe e pantaloni lunghi. Se è in un passeggino, usa una zanzariera per ulteriore protezione.

L’Accademia Americana di Pediatria raccomanda di non usare repellenti per insetti su un bambino di età inferiore ai 2 mesi. Se il tuo bambino ha 2 mesi o più, è possibile utilizzare repellente per insetti che contiene fino al 30 per cento DEET o picaridin (più leggero e meno irritante). Se sei a disagio con repellenti chimici sul tuo bambino e stai considerando un repellente naturale e a base di piante, controlla l’etichetta per essere certa che sia sicuro per l’uso sui bambini.

virus del Nilo occidentale bambini
virus del Nilo occidentale bambini

Installa delle zanzariere su tutte le tue porte e finestre per tenere fuori le zanzare. Rimuovi o svuota regolarmente tutte le fonti di acqua stagnante, dove le zanzare sono note per riprodursi – tra cui grondaie intasate, vasi di fiori, lattine, vecchi pneumatici, piscine, e qualsiasi altro contenitore che puoi avere in giro nel tuo cortile.

Se vedi un uccello morto, non toccarlo. Segnalalo al dipartimento sanitario locale. A proposito, l’EPA non ha precauzioni specifiche per le donne incinte o che allattano usando repellenti per insetti contenenti DEET. Se stai allattando il tuo bambino o ne aspetti un altro, per essere al sicuro, potresti voler parlare con il tuo medico per sapere se il DEET va bene per te.

Cosa si sta facendo per prevenire il virus?

Oltre alla ricerca sullo sviluppo di un vaccino, i dipartimenti sanitari stanno monitorando le popolazioni di zanzare e uccelli, segnalando tutte le infezioni umane a un database informatico nazionale.

Da dove viene e quante persone sono state infettate?

Il virus del Nilo occidentale è emerso in Uganda nel 1937. Da allora, la malattia è fiorita in Africa, Europa orientale, Asia occidentale e Medio Oriente.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli