Tutto ciò che devi sapere sulla sindrome del tunnel carpale post-parto

·2 minuto per la lettura
Sindrome del tunnel carpale
Sindrome del tunnel carpale

La sindrome del tunnel carpale di solito va via gradualmente man mano che il gonfiore della gravidanza si attenua. Se persiste anche dopo che il gonfiore è guarito, potrebbe essere necessario indossare una stecca per il polso o avere una piccola procedura chirurgica per correggere il problema.

Sindrome del tunnel carpale: le cause

Il dolore e l’intorpidimento iniziano durante la gravidanza quando il tunnel carpale nel tuo polso si gonfia. Si tratta del tubo in cui passano i nervi che vanno alle dita. Anche se il gonfiore ha tutto a che fare con la gravidanza e niente a che fare con i movimenti ripetitivi della mano, il risultato è lo stesso. La pressione del tunnel carpale gonfio causa intorpidimento, formicolio, bruciore e dolore nelle dita e, spesso, su per il braccio.

Cosa posso fare per alleviare il dolore?

Il tuo medico può suggerire iniezioni di cortisone per aiutare ad alleviare il dolore (sono sicure per le mamme che allattano), o indossare una stecca per il polso, un trattamento che si è dimostrato utile per molti con la sindrome del tunnel carpale. Se il dolore persiste, parlane con il dottore al controllo post-partum di sei settimane. Potresti aver bisogno di una piccola procedura chirurgica per alleviare la pressione sul nervo mediano, che scorre lungo il braccio e nella mano.

Una piccola incisione viene fatta nel palmo della mano in modo che il medico possa tagliare il legamento carpale trasversale, che spinge nel nervo mediano quando il tunnel carpale si gonfia, impedendo al nervo di funzionare correttamente. Una volta effettuato il taglio del legamento, la pressione viene alleviata, permettendo al nervo mediano di fare il suo lavoro. L’intervento non è doloroso, ma il recupero può richiedere dalle sei alle otto settimane.

Sindrome del tunnel carpale trattamento
Sindrome del tunnel carpale trattamento

Quando dovrei chiamare il mio medico?

Consulta il tuo medico o l’ostetrica se il dolore e l’intorpidimento interferiscono con il tuo sonno o la tua routine quotidiana. Non prendere alcun farmaco per il dolore senza aver prima consultato un esperto.

Nota: sebbene tu abbia sentito dire che assumere una dose giornaliera di vitamina B-6 può aiutare, questo è vero solo per coloro che hanno una carenza di B-6. Se hai una dieta sana ed equilibrata, stai già assumendo le vitamine di cui hai bisogno.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli