Ue alla larga da Trump: Pompeo cancella la visita a Bruxelles

Angela Mauro
·Special correspondent on European affairs and political editor
·2 minuto per la lettura
(Photo: Alex Wong via Getty Images)
(Photo: Alex Wong via Getty Images)

Passa anche per l’Europa il segnale che negli Stati Uniti stia prendendo piega una ‘ordinata transizione’ dall’amministrazione Trump a quella di Biden. All’ultimo minuto, il segretario di Stato americano Mike Pompeo cancella la sua visita a Bruxelles, prevista per oggi e domani.

Motivo ufficiale: Pompeo è impegnato in patria a garantire una “ordinata transizione”, appunto. Su twitter l’annuncio che presto terminerà il mandato, con conseguenze ‘migrazione’ ad altro account: privato. Del resto, a Bruxelles l’inviato di Trump avrebbe avuto solo una cena con il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, senza conferenza stampa, un incontro privato con la ministra degli Esteri belga Sophie Wilmès, nessun colloquio con i rappresentanti delle istituzioni europee, nessun evento pubblico. Perché venire fino in Europa, ad una settimana esatta dagli eventi di Capitol Hill che hanno spinto tutti i leader europei a compiere una manovra – più o meno imbarazzata, a seconda dei casi – di allontanamento definitivo da Donald Trump?

L’annullamento della visita di Pompeo in Europa - lui che dopo le elezioni Usa era sicuro che il riconteggio dei voti avrebbe portato ad una “ordinata transizione verso un’altra amministrazione Trump” – è forse il segnale più evidente che un’era è finita e che magari i giorni a cavallo dell’insediamento del nuovo presidente eletto Joe Biden non saranno accompagnati dai tumulti della scorsa settimana, a dispetto degli allarmi dell’Fbi.

Qui in Europa l’Alto rappresentante per la politica estera Josep Borrell non si è sforzato di organizzare un incontro con Pompeo, anzi. Non lo ha ritenuto opportuno. Come lui, tutta la diplomazia dell’Unione.

L’inviato di Trump, che nel 2018 venne a Bruxelles a dire in faccia agli europei che “la sovranit&agrav...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.