Un intervento del virologo milanese su una situazione al limite viene considerato pericolo generico

·1 minuto per la lettura
Roberto Burioni
Roberto Burioni

Lesione grave da tampone Covid, il caso della donna citata da Roberto Burioni e i rischi sono da considerarsi relativi a quel singolo case-report, non sono una proclamazione di pericolo generalizzato. Il caso era stato sollevato da Open, che citava un recente intervento del virologo del San Raffaele di Milano a Che Tempo Che Fa. Tutto era incentrato su un meme e su un case report pubblicato da JAMA Otolaryngology – Head & Neck Surgery.

Il caso della lesione grave da tampone: come è stato (mal)interpretato Burioni

In buona sostanza era venuto fuori un sunto per cui, a detta di Burioni, i tamponi sarebbero in grado di “rompere la barriera sanguigna ematoencefalica del cervello”. Nello specifico il virologo aveva detto: “Una persona ha avuto addirittura una lesione delle membrane che ricoprono il nostro sistema nervoso centrale e ha perso del liquido cefalorachidiano”.

Il tweet del virologo sul caso della lesione grave da tampone

In un secondo momento e su Twitter Burioni aveva citato il case report e spiegato che si tratta di un evento “estremamente raro”. Cosa è successo però? Che l’intervento di Burioni su un singolo caso è stato fatto diventare paradigma generico di pericolo nell’utilizzo dei tamponi.

Cosa ha determinato in concausa il singolo caso della lesione grave da tampone

Non è così: si cita infatti il singolo caso di una donna che ha riscontrato la perdita del liquido cefalorachidiano a seguito del test del tampone ma non era stato spiegato in aggiunta che la donna “aveva un difetto nel basicranio” e che quel difetto “non era dovuto al tampone”. Solo la concomitanza dei due eventi, tampone e lesione preesistente, aveva determinato il trauma.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli