Un nuovo decreto legge assicura test genomici gratuiti per le donne con tumore al seno, chapeau

·2 minuto per la lettura
Photo credit: Taisiia Shestopal su unsplash
Photo credit: Taisiia Shestopal su unsplash

"Ho firmato il decreto che finanzia con 20 milioni di euro i test genomici gratuiti per le donne con tumore al seno in fase precoce e in terapia ormonale. Sono test molto importanti che aiutano a definire i trattamenti più appropriati per ogni paziente. Rafforziamo la nostra sanità pubblica nella prioritaria lotta contro il cancro" ha spiegato il ministro della Salute Roberto Speranza con un post su Facebook il 10 luglio.

Per la sanità italiana l'introduzione dei test genomici gratuiti in fase di trattamento tumorale è un importante passo avanti, soprattutto considerando gli ultimi dati diffusi Aiom-Airtum. Secondo i numeri del 2020, il tumore al seno è la neoplasia più frequente nella popolazione femminile, solo nell’anno preso in analisi sono state stimate circa 55.000 nuove diagnosi nelle donne. Come scrive l'ultimo report di Aiom-Airtum, grazie ai progressi "diagnostico-terapeutici, alla disponibilità di nuovi farmaci antitumorali, alle migliori terapie di supporto e alla migliore integrazione delle terapie sistemiche con le terapie locali, la sopravvivenza globale delle pazienti con malattia metastatica (circa 37.000 oggi in Italia) è notevolmente aumentata".

Photo credit: Panuwat Dangsungnoen / EyeEm - Getty Images
Photo credit: Panuwat Dangsungnoen / EyeEm - Getty Images


Se questi numeri sono realtà è anche grazie a strumenti come il test genomico. Nel caso di neoplasia al seno, il test genomico permette di individuare la biologia del tumore fornendo informazioni importantissime come l'aggressività in stadio precoce, la capacità di crescita e diffusione. Rappresenta quindi un elemento fondamentale della terapia perché permette di pianificarla con maggiore accuratezza.

Francesco Cognetti, Presidente Fondazione Insieme contro il Cancro e Direttore Oncologia Medica Regina Elena di Roma ha raccontato ad Ansa: "Siamo soddisfatti per la decisione del Ministero della Salute. Finalmente le pazienti, assistite nelle strutture sanitarie del nostro Paese, potranno accedere gratuitamente a esami fondamentali per la personalizzazione delle cure oncologiche. Da ora cambia la lotta al tumore più diffuso e frequente nel nostro Paese".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli