Una guesthouse di Atene si comporta come un museo, impreziosendosi di design e opere d'arte locali

Di Alessia Musillo
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Margarita Nikitaki
Photo credit: Margarita Nikitaki

From ELLE Decor

Nella zona di Filipappos Hill, ad Atene, il designer greco Michael Stamos ha inserito, fra i muri di una guesthouse dai colori verde muschio e viola prugna, opere d'arte locali e pezzi classici dell'arredamento moderno. Prende vita, così, l'Esperinos - un luogo calmo in cui soggiornare, vivere di passaggio la capitale greca ma soprattutto rifarsi gli occhi all'insegna di un interior design da museo.

Photo credit: Margarita Nikitaki
Photo credit: Margarita Nikitaki
Photo credit: Margarita Nikitaki
Photo credit: Margarita Nikitaki
Photo credit: Margarita Nikitaki
Photo credit: Margarita Nikitaki

La residenza si trova all'interno di un edificio costruito negli Anni Trenta del secolo scorso. In questa cornice, il designer ha modificato la pianta dell'appartamento - d'impronta originariamente domestica -, trasformandola in un open space tipico di una galleria d'arte. Il design si compone come un puzzle, fra pezzi originali di Stamos - un mobile contenitore realizzato in pino e compensato, dipinto a mano con un motivo a scacchiera in bianco e nero; lampade; una sedia con un'asta di metallo lungo lo schienale; uno sgabello modestamente piccino, fatto di due blocchi di pietra trovati in una cava di Tinos (un'isola greca nel Mar Egeo) - e pezzi d'autore, come la poltrona lounge Traffic di Konstantin Grcic. L'allestimento delle opere è stata affidata alla Fondazione Grace, di proprietà del designer Michael Stamos dal 2016, che si occuperà di modificarlo a seconda dei periodi dell'anno e soprattutto in corrispondenza della disponibilità dei lavori.

Photo credit: Margarita Nikitaki
Photo credit: Margarita Nikitaki
Photo credit: Margarita Nikitaki
Photo credit: Margarita Nikitaki

La cucina è una stanza-museo rifinita con mobili color smeraldo e ripiani neri in stile industriale che espongono le stoviglie. La zona notte invece si adagia sotto il tetto a falde della pensioncina e vanta un letto a soppalco a cui si accede tramite una scalinata. La pietra, elemento naturale e tradizionale dell'architettura greca, è un motivo ricorrente - insieme alla terracotta, utilizzata per foderare il pianerottolo delle scale e uno dei gradini.

Photo credit: Margarita Nikitaki
Photo credit: Margarita Nikitaki
Photo credit: Margarita Nikitaki
Photo credit: Margarita Nikitaki

Lo spazio continua e si apre in un respiro privato, un piccolo giardino i cui colori predominanti - il bianco delle pareti esterne e il verde delle piante - regalano un momento di relax dal caratterino frizzante della capitale greca. In un ambiente culturale in fermento, Atene vuole rinascere dai suoi spazi di accoglienza - che siano luoghi di condivisione all'insegna dell'arte.

Photo credit: Margarita Nikitaki
Photo credit: Margarita Nikitaki
Photo credit: Margarita Nikitaki
Photo credit: Margarita Nikitaki